AUSTRALIA. Canberra sa che Pechino vuole una base a Guadalcanal

143

Il primo Ministro australiano ha detto il 9 maggio di essere a conoscenza delle ambizioni della Cina nel Pacifico sud-occidentale dopo che un giornale ha riportato i piani di Pechino per costruire moli, cantieri navali e cavi sottomarini nelle Isole Salomone.

The Australian, infatti, ha pubblicato una bozza di quattro pagine di accordo di cooperazione marittima tra la Cina e le Isole Salomone datata quest’anno. Questo segue la recente conferma da parte della Cina e della nazione insulare del Pacifico che hanno firmato un accordo di sicurezza separato che gli Stati Uniti e i suoi alleati temono possa portare a una base navale cinese a meno di 2.000 chilometri dalla costa australiana.

Gli esperti di sicurezza sospettano che le infrastrutture marittime costruite secondo l’ultima bozza di memorandum d’intesa sarebbero utilizzate dai militari cinesi, riporta Abc News. Il primo Ministro Scott Morrison ha detto che il suo governo non è stato sorpreso dalla bozza di accordo sullo sviluppo di «moli portuali, costruzione di cavi ottici sottomarini, costruzione e riparazione navale (…) Siamo molto consapevoli di quali siano le ambizioni del governo cinese nel Pacifico, sia in relazione a strutture come quella o basi navali o altra presenza dei loro militari nel Pacifico (…) Sono molto preoccupato, come lo sono molti altri leader del Pacifico, per l’interferenza e l’intrusione del governo cinese in questi tipi di accordi e ciò che può significare per la pace, la stabilità e la sicurezza del Pacifico sud-occidentale», ha detto Morrison.

Gli Stati Uniti hanno detto che avrebbero preso precise azioni non specificate contro le Isole Salomone se l’accordo di sicurezza con la Cina rappresentasse una minaccia per gli interessi degli Stati Uniti o degli alleati. L’Australia ha un patto di sicurezza con le Isole Salomone e ha inviato una forza di polizia di pace nella capitale, Honiara, a novembre 2021 dopo i disordini civili.

Il premier Sogavare ha sostenuto che non ci sarà alcuna base militare cinese nel suo paese e la Cina ha negato di cercare un punto d’appoggio militare nelle isole.

Una bozza del patto di sicurezza, che è trapelata online, ha detto che le navi da guerra cinesi potrebbero fermarsi nelle Isole Salomone per il rifornimento logistico e la Cina potrebbe inviare polizia e forze armate lì «per aiutare a mantenere l’ordine sociale»; sia le Isole Salomone che la Cina non hanno pubblicato la versione finale dell’accordo.

Antonio Albanese