Week end di sangue in Afghanistan

42

AFGHANISTAN – Kabul 20/5/13. Un’ondata di violenza ha sconvolto l’Afghanistan tra il 17 e il 20 maggio, uccidendo decine di agenti di polizia e civili.

Gli attacchi sono continuati il 20 maggio, quando un attentatore suicida, che indossava una divisa della polizia, si è fatto esplodere nell’edificio del Consiglio Provinciale nella capitale della provincia di Baghlan, uccidendo 14 persone e ferendone 9. L’attacco aveva come obiettivo Rasoul Mohseni, capo del consiglio provinciale di Baghlan, ucciso nell’esplosione, e considerato come l’uomo più potente della provincia. Mohseni era un comandante militare che aveva condotto del nord una campagna contro i talebani. Non ci sono state immediate rivendicazioni di responsabilità, anche se il presidente Hamid Karzai ha accusato i «nemici dell’Afghanistan», una frase spesso usata in riferimento ai talebani afgani.

A Kandahar il 17 maggio, due bombe nascoste in una moto e in una macchina sono esplose all’interno di un comprensorio, sviluppato in parte da Mahmood Karzai, fratello minore del presidente Hamid Karzai, uccidendo almeno 9 persone e ferendone più di 70. È in corso un’inchiesta per determinare come veicoli carichi di esplosivo siano arrivati all’interno del comprensorio oltrepassando la pesante sicurezza. Non vi è stata alcuna rivendicazione.

Nella stessa giornata, due uomini in motocicletta hanno sparato e ucciso Abdul Ghani, ufficiale di polizia del distretto nel distretto di Khaki Safed della provincia di Farah nell’Afghanistan occidentale. Un portavoce del governatore di Farah ha detto che l’attacco sembra essere stato una rappresaglia per un recente giro di vite contro i talebani in cui sono morti diversi militanti. Nella provincia meridionale di Helmand il 18 maggio, sei poliziotti afgani sono stati uccisi e altri quattro feriti quando una bomba è stata fatta esplodere vicino alla loro veicolo nel distretto di Gereshk. Nella stessa giornata, una bomba Sabato mattina a Khost, che confina con il Pakistan a est, ha ucciso un agente di polizia di frontiera e il ferimento di altre otto persone.