Astana: sfavorevole per l’export l’accordo dell’Unione Doganale

29

KAZAKHSTAN -Astana. 29/08/13. Ad Astana gli imprenditori locali sono un po’ preoccupati. A quanto pare negli ultimi tempi l’Kazakhstan sarebbe invaso da prodotti russi. Ma la cosa peggiore è che gli stessi imprenditori si vedono la strada sbarrata nel senso opposto, è difficilissimo esportare a Mosca o negli altri Paesi aderenti all’Unione doganale.

Secondo il venditore di un piccolo negozio di alimentari Almaty Ajgul Myrzataevoy sugli scaffali dei suoi negozi, la maggior parte dei prodotti lattiero-caseari e bevande alcoliche è russo. In generale, il 30-40 per cento delle merci viene dalla Russia: latte, panna, yogurt, vino e liquori. Altri prodotti più vengono Kirghizistan e da altri paesi esteri. Dice Ajgul Myrzataeva.
Gli acquirenti, secondo il venditore, vorrebbero trovare più prodotti locali, soprattutto quelli caseari quelli della Unione Caseificio del Kazakistan ma alla fine si ritrovano quelli russi.
Secondo il rappresentante dell’Unione, Lydia Mikheev, fonte Tengrinews.kz, ha detto che il popolo del Kazakhstan mangiare molti latticini e quindi i prodotti locali soddisfatta principalmente il Kazakhstan e quello che manca viene dalla russia.

Il Regolamento Tecnico dell’Unione doganale dei prodotti lattiero-caseari, secondo Mikheyeva limita la produzione di latte soprattutto quello “ricostruito”, ovvero latte in polvere. Come spiega Lydia Mikheev, in Kazakistan, in inverno è venduto principalmente latte in polvere e per questo che è arrivato il latte e i suoi derivati dalla Russia.
In estate in Kazakistan vi è un surplus di latte prodotto, ma in inverno vi è una carenza. Così in inverno di solito utilizzare la materia prima a secco, ma i produttori kazaki non hanno il permesso di poterlo fare. Se non lolo si permetterà, i produttori nazionali saranno costrette a cessare la produzione e il mercato sarà dominato da prodotti russi, dice Lydia Mikheev.
Le importazioni sono aumentate, le esportazioni sono diminuite afferma il presidente dell’associazione “KazAlko” Amirjan Kaliev esprimendo le stesse preoccupazioni di Mikheev. Negli ultimi cinque anni, ha detto, il numero di vodka importata dalla Russia è andato crescendo. La quantità di alcool russo importato è aumentato di 10 volte. Sugli scaffali kazaki il 50 per cento di bevande alcoliche è russa. E nei supermercati la quota di merce alcolica dell’Unione doganale è del 60-70%. Mentre il Kazakistan in questi paesi non può esportare i suoi prodotti. L’export dei nostri prodotti in Bielorussia è pari a zero per cento, in Russia non arriva all’uno per cento ha detto Amirjan Kaliev.