Astana: l’inquinamento costa dai 4 agli 8 miliardi all’anno

171

KAZAKHSTAN – Almaty. 10/09/13. Secondo la testata Kazakistan Oggi i danni economici causati dall’inefficienza energetica (inquinamento) in Kazakhstan ammonta, ogni anno, dai 4,8 miliardi di dollari all’anno fino a un massimo di 8.

Il giornale ha citato come fonte della notizia il Ministro dell’Ambiente Nurlan Kapparov. Secondo lui, se non si cambia atteggiamento verso il problema del depauperamento delle risorse naturali, il danno economico entro il 2030 potrebbe raggiungere i 14 miliardi dollari. Secondo il capo del Ministero della Protezione Ambientale, a seguito di attività industriali nel paese è ancora alto il livello di inquinamento atmosferico. In particolare, secondo il ministro, il Kazakistan si classifica 17 ° nel mondo in termini di emissioni. «I principali inquinanti atmosferici sono il particolato, il biossido di zolfo e ossidi di azoto, composti di mercurio, ozono, piombo, monossido di carbonio e diossine. La maggior quantità di emissioni di polveri, biossido di zolfo e di ossidi di azoto, provengono dalle tre principali fonti di reddito per il Kazakhstan: generazione di energia, minerario e dei trasporti» ha detto chiosato N.Kapparov.