ASIA-PACIFICO. Cresce l’investimento cinese nonostante l’economia traballi

40

Gli investimenti cinesi nella regione Asia-Pacifico sono aumentati notevolmente nel 2023, in controtendenza rispetto alle tendenze globali anche se la seconda economia mondiale vacilla.

Stando ad un recente studio della Griffith University di Brisbane e della Fudan University di Shanghai, lo scorso anno gli investimenti cinesi hanno totalizzato quasi 20 miliardi di dollari nell’area Asia-Pacifico, con un aumento del 37%. Sono stati registrati inoltre contratti di costruzione per circa 17 miliardi di dollari, in parte finanziati da prestiti cinesi, segnando un aumento di circa il 14% rispetto al 2022, riporta Nikkei.

Secondo il rapporto, questi numeri sono in netto contrasto con il calo del 12% degli investimenti diretti esteri complessivi nelle economie emergenti dell’Asia lo scorso anno. I dati arrivano nella stessa settimana in cui il governo cinese ha fissato l’obiettivo di una crescita del prodotto interno lordo di “circa il 5%” per il 2024, in linea con l’obiettivo dello scorso anno, anche se gli analisti vedono una forte pressione sull’economia a causa della stagnazione della domanda globale e interna, della produzione contenuta e di un implacabile crollo immobiliare.

Gran parte dell’attività all’estero si è concentrata sui paesi allineati con la Belt and Road Initiative. Secondo i dati del Griffith Asia Institute, gli investimenti nei paesi non-Bri sono crollati al minimo storico di 120 milioni di dollari, in calo del 90% rispetto a quello che era già un minimo record nel 2022.

I partecipanti alla Bri rappresentavano anche il 92% dei contratti di costruzione: ”La tendenza più interessante che abbiamo riscontrato nel 2023 è stata il forte emergere dell’impegno verde della Cina attraverso gli investimenti energetici e minerari, così come l’impegno della Cina nella regione in controtendenza, che è in aumento e non in calo”.

I dati sull’impegno cinese, contratti di investimento e di costruzione combinati, suggeriscono che l’attività sta iniziando a tornare alle pratiche osservate prima della pandemia di Covid-19. In passato, gli investimenti rappresentavano una componente importante dell’impegno cinese nella regione, ma nel 2021, per la prima volta, le costruzioni hanno rappresentato oltre il 70%. Secondo il rapporto, l’anno scorso gli investimenti hanno rappresentato circa il 54% del coinvolgimento totale, avvicinandosi ai livelli pre-pandemia.

Nel 2023, circa il 50% degli investimenti regionali cinesi sono andati al Sud-Est asiatico, con un aumento del 27% rispetto all’anno precedente. L’Indonesia è stato il maggior beneficiario, con un incasso di circa 7,3 miliardi di dollari.

Una parte significativa di ciò è stata l’acquisizione da parte di TikTok del 75% di Tokopedia, unità di e-commerce del conglomerato tecnologico indonesiano GoTo, per 840 milioni di dollari. Questo è stato in parte uno sforzo del colosso cinese di Internet per rientrare nell’e-commerce indonesiano dopo che le autorità di regolamentazione hanno costretto TikTok a separare le sue funzionalità di acquisto da quelle dei social media lo scorso ottobre.

Sei paesi, Filippine, Mongolia, Myanmar, Papua Nuova Guinea, Tagikistan e Turchia, hanno visto un calo del 100% nell’impegno cinese a partire dal 2022, il che significa che non ci sono stati nuovi investimenti o progetti di costruzione.

“Ci sono varie ragioni, ma in genere è dovuta all’inclusione di rischi politici ed economici (…) Ad esempio, le Filippine e la Cina hanno registrato un certo raffreddamento delle relazioni bilaterali”.

L’impegno nel corridoio economico Cina-Pakistan, Cpec, è diminuito di circa il 74%, a causa delle turbolenze politiche del Pakistan e delle preoccupazioni sulla presenza di militanti islamici. Il coinvolgimento in Australia è diminuito di circa il 66%.

Nel complesso, lo scorso anno le società private cinesi hanno dominato gli investimenti nell’Asia-Pacifico, con un numero maggiore di attori cinesi che si sono uniti alla mischia rispetto ai due anni precedenti. L’impegno nel settore edile, come l’anno scorso, è stato dominato dalle imprese statali.

La maggior parte dei nuovi investitori privati sono coinvolti nella transizione energetica e nei materiali per le batterie, sottolineando l’ascesa della Cina ai vertici delle catene di approvvigionamento industriale di minerali critici e di energia rinnovabile a livello mondiale.

Zhejiang Huayou Cobalt, uno dei maggiori raffinatori di cobalto al mondo, ha contribuito per il 21,2% all’investimento totale, seguito dal gruppo di e-commerce Alibaba con l’11,6%.

Le iniziative cinesi nei settori dei metalli e dell’estrazione mineraria, in particolare delle risorse rilevanti per la transizione verde come il litio e materiali per batterie come il nichel per i veicoli elettrici, si concentrano su Indonesia, Corea del Sud, Vietnam e Bangladesh. Tale impegno ha raggiunto i 5,3 miliardi di dollari, con una crescita del 130% rispetto al 2022, ma ancora al di sotto del ritmo osservato nel 2018 e nel 2019.

Investimenti degni di nota nel settore dei veicoli elettrici includono una joint venture tra Zhejiang Huayou Cobalt e LG Chem in Corea del Sud e stabilimenti di case automobilistiche cinesi in paesi come Tailandia, Vietnam e Malesia.

Analogamente alla BRI nel suo insieme, l’impegno della Cina nell’Asia-Pacifico non è necessariamente in linea con la strategia dichiarata di Pechino di perseguire progetti “piccoli ma belli”. Dopo 10 anni di Belt and Road si è parlato molto di una ricalibrazione verso obiettivi più modesti, soprattutto alla luce dei problemi economici della Cina.

Tuttavia, la dimensione media delle transazioni per gli investimenti è rimasta elevata nel 2023, pari a 499 milioni di dollari, più del doppio del minimo di 195 milioni di dollari nel 2021, ma leggermente inferiore ai 583 milioni di dollari registrati nel 2022.

Tommaso Dal Passo 

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/