ASIA. Nuovi alleati e mercati asiatici per l’Ue. Pechino è troppo vicina a Mosca

147

La Cina aumenta la sua partnership strategica con la Russia e l’Europa cerca alleati altrove in Asia. La prossima settimana, il presidente del Consiglio europeo Charles Michel e il presidente della Commissione Ursula von der Leyen dovrebbero recarsi a Tokyo per co-ospitare un vertice Ue-Giappone, secondo i media giapponesi. Sarà la prima volta che le due alte cariche Ue volano insieme in Asia orientale.

La settimana scorsa, Olaf Scholz ha fatto il suo primo viaggio in Asia da quando è diventato cancelliere tedesco e ha saltato la Cina, dirigendosi invece in Giappone; Scholz si è distaccato molto dal predecessore Angela Merkel nel coltivare i legami con la leadership di Pechino, riporta Politico. In precedenza, Ursula von der Leyen ha partecipato al Dialogo di Raisina, un evento chiave di politica estera in India, dove ha fatto avvertimenti espliciti sulla partnership “senza limiti” tra Pechino e Mosca.

La prossima presidenza ceca del Consiglio dell’Ue, che inizia a giugno, prevede di ospitare una serie di eventi con i partner dell’Indo-Pacifico, anche se la guerra russa in Ucraina occuperà la maggior parte delle energie politiche in Europa.

Per due decenni, la Cina ha raccolto enormi benefici dopo l’adesione all’Organizzazione mondiale del commercio. Numerose multinazionali europee hanno la Cina come mercato e centro di profitti. Nonostante i recenti appelli del presidente Xi Jinping a concentrarsi di più sull’innovazione e il consumo interno, il commercio estero, con l’UE e gli Stati Uniti, gioca ancora un ruolo eccessivo nello sviluppo economico della Cina. Infatti, i governi europei sono stati in gran parte dalla parte delle loro imprese che hanno favorito l’approfondimento della seconda economia mondiale, pagando a parole gli avvertimenti sulle minacce alla sicurezza nazionale, i cyberattacchi e le violazioni dei diritti umani da parte degli Stati Uniti e dei gruppi di difesa.

Tutto è cambiato con la guerra in Ucraina. Sia Joe Biden che Ursula von der Leyen hanno avvertito Pechino delle “conseguenze” e dei “rischi di reputazione” se dovesse aiutare la Russia ad aggirare le sanzioni o fornirle armi. Il ministro degli Esteri britannico Liz Truss è andato oltre, dicendo la scorsa settimana, «definendo l’ascesa della Cina come inevitabile, stiamo facendo il gioco della Cina, infatti, la loro ascesa non è inevitabile. Non continueranno a crescere se non giocano secondo le regole».

Con le aziende occidentali tagliate fuori dalla Russia, le preoccupazioni stanno aumentando nella comunità d’affari in Cina, soprattutto perché Pechino fa pochi sforzi per prendere le distanze da Mosca.

Come ha ammesso Scholz, la scelta del Giappone come prima destinazione asiatica da quando è diventato cancelliere tedesco non è stata “una coincidenza”.

Anche se si è astenuto da qualsiasi critica diretta alla Cina, Scholz ha evidenziato la necessità di diversificazione da parte delle imprese tedesche. Assicurare che le catene di approvvigionamento siano meno dipendenti dai singoli paesi, ha aggiunto.

I prossimi mesi saranno cruciali per vedere se l’Europa potrà fare pressione politica contemporaneramente sia sulla Russia che sulla Cina. Per alcune misure, però, l’India ricorda più la Cina che il Giappone. Ha sfidato la pressione occidentale e si è astenuta nei voti delle Nazioni Unite che condannano la guerra della Russia. Rimane un massiccio importatore di armi russe. I gruppi per i diritti umani esprimono costantemente preoccupazioni sul trattamento delle minoranze.

Eppure, gli Stati Uniti considerano l’India un partner chiave nella loro strategia indo-pacifica, formando insieme all’Australia e al Giappone la rete di sicurezza “Quad”, attualmente considerata dagli strateghi di Pechino come una minaccia di primo piano. Uno dei principali problemi nelle relazioni UE-India è la mancanza di un accordo di libero scambio. Un precedente tentativo, durato sette anni, di trovare un accordo è finito in un vicolo cieco, anche se entrambe le parti stanno ora cercando di rilanciare i colloqui. Tuttavia, questioni spinose come l’agricoltura, gli standard e i diritti del lavoro rimangono irrisolte.

Antonio Albanese