ASIA. L’inarrestabile avanzata del Caffè nelle terre del Tè

114

Il consumo di caffè in Asia è cresciuto dell’1,5% negli ultimi cinque anni, rispetto alla crescita dello 0,5% in Europa e dell’1,2% negli Stati Uniti, secondo l’International Coffee Organization, trasformando la regione nel futuro centro di gravità del mondo del caffè. Tradizionalmente una regione che beve tè, il crescente consumo di caffè in Asia è in gran parte guidato dall’ascesa di una classe media che vuole provare qualsiasi cosa sia alla moda.

Il caffè è un fenomeno culturale, legato alla lunga eredità di colonialismo e influenza occidentale, dal Giappone Meiji al Vietnam coloniale alle piantagioni di caffè olandesi a Sumatra. In Cina, per esempio, il caffè è oggi un barometro dell’influenza occidentale, portato in patria soprattutto da persone che hanno studiato all’estero. Gli stili di vita occidentalizzati, insieme all’urbanizzazione, hanno alimentato la domanda dei consumatori per il caffè veloce, come gli infusi istantanei e le opzioni da asporto, secondo Nikkei.

La Pandemia ha esaltato la domanda per caffè asiatici prodotti localmente. I produttori nazionali di caffè possiedono più della catena del valore e le culture di caffè indigene stanno iniziando a rivaleggiare con le importazioni occidentali. Attualmente, l’Asia produce il 29% dei chicchi di caffè del mondo, ma la regione, compresa l’Oceania, ne consuma solo il 22%.

Il Vietnam è stato un colosso del caffè da quando i colonizzatori francesi lo hanno portato nel XIX secolo. Oggi, questa eredità ha aiutato il Vietnam a diventare il primo esportatore mondiale di alcune tipologie di caffè.

Anche in Indonesia, la seconda nazione asiatica per produzione di caffè, l’industria del caffè sta prendendo piede. Nonostante sia il quarto esportatore mondiale di questo prodotto, il caffè in Indonesia, dove il tè è la bevanda tradizionale, ha goduto di una spinta popolare solo negli ultimi anni, insieme all’aumento pre-pandemico della classe media e dei suoi redditi disponibili, così come la crescente popolarità della cultura del caffè tra la giovane popolazione urbana. Il 90% degli indonesiani sono musulmani, quindi la gente cerca una bevanda socializzante che non sia alcolica.

La Cina sta vivendo una tendenza simile. L’arrivo di catene straniere alla fine degli anni ’90 ha lasciato il segno nelle città cinesi e ha attirato i giovani consumatori. Ma l’emergere di catene locali e chioschi stradali negli ultimi anni sta ora guidando la cultura cinese del bere caffè.

Secondo un rapporto del 2021 di marzo di Yicai, Shanghai ha ora il più alto numero di negozi di caffè indipendenti del mondo, con 6.913 punti vendita. Questo è più dei 3.826 di Tokyo, 3.233 di Londra e 1.591 di New York.

Come mostra lo studio di Yicai, i negozi di caffè in Cina sono altamente concentrati nelle aree urbane ricche, mirando ai giovani.

Inizialmente, questi giovani aficionados del caffè con esperienza all’estero stavano guidando il mercato in Cina, tra l’altro, società che tradizionalmente beve il tè. Poi sono arrivati i marchi locali, la cinese iiMedia Research a novembre ha previsto che il mercato del caffè del paese manterrà un tasso di crescita annuale del 27% per raggiungere 1 trilione di yuan nel 2025, da 381,7 miliardi nel 2021. Gli investitori sembrano prestare attenzione a queste previsioni ambiziose.

Per i bevitori di caffè cinesi, questi operatori locali con le loro offerte di localizzazione riflettono il guochao, o tendenza patriottica, che ha spazzato i mercati di consumo dall’abbigliamento ai cosmetici da quando è iniziata la tensione commerciale con gli Stati Uniti.

Un’altra nazione con una lunga storia di consumo di tè, il Giappone ha sperimentato un aumento del consumo di caffè negli ultimi anni. Il mercato giapponese del caffè è il più grande dell’Asia, con vendite di caffè per 34,45 miliardi di dollari nel 2020, secondo Mersol & Luo.

Mentre il caffè è diventato una delle bevande calde più consumate in Giappone, il consumo di tè sta diminuendo. Secondo l’Associazione giapponese di produzione del tè, il consumo interno di tè è sceso a 108.454 tonnellate nel 2019, in calo del 30% rispetto al 2004, il picco più recente.

Ma in contrasto con il mercato del tè, il consumo di caffè del Giappone è in aumento, raggiungendo 452.903 tonnellate nel 2019, in aumento del 5,8% rispetto al 2004, secondo l’associazione All Japan Coffee Association.

Anche se la pandemia ha colpito sia i caffè che i minimarket nel 2020, l’industria ora vede un’opportunità, poiché i consumatori stanno spendendo di più in chicchi e attrezzature speciali da usare a casa.

In Corea del Sud, il mercato del caffè è salito velocemente negli ultimi anni nonostante la pandemia, grazie ai clienti che hanno adottato i caffè come seconda casa, ufficio o biblioteca. Le importazioni di caffè del paese hanno raggiunto 916 milioni di dollari l’anno scorso, in aumento rispetto ai 738 milioni di dollari del 2020 e ai 662 milioni di dollari del 2019, secondo i dati delle autorità doganali. Lo Hyundai Research Institute, un think tank privato con sede a Seul, ha detto in uno studio del 2019 che il mercato del caffè del paese dovrebbe crescere fino a 9 trilioni di won entro il 2023.

Tommaso Dal Passo