ASIA. Economia in recessione nel 2023 per ADB

116

L’espansione economica dell’Asia in via di sviluppo nel prossimo anno dovrebbe essere più lenta di quanto previsto in precedenza, a causa del rallentamento globale e della prolungata guerra in Ucraina.

La Banca Asiatica di Sviluppo, Adb, in un nuovo rapporto, ha ridotto le sue previsioni di crescita per il 2023 per l’Asia in via di sviluppo, area che comprende 46 membri regionali della banca – al 4,6% dal 4,9%. La regione probabilmente chiuderà l’anno in corso con un’espansione del 4,2%, leggermente inferiore al 4,3% previsto a settembre, riporta Nikkei.

«Tre principali venti contrari continuano a ostacolare la ripresa dell’Asia in via di sviluppo: le ricorrenti chiusure nella Repubblica Popolare Cinese, l’invasione russa dell’Ucraina e il rallentamento della crescita globale», ha dichiarato la banca in un aggiornamento della sua pubblicazione Asian Development Outlook, pubblicato il 14 dicembre.

L’ultimo declassamento segna la terza volta quest’anno che l’Adb ha tagliato le stime di crescita per la regione, che è anche sotto pressione a causa dell’elevata inflazione dovuta in parte alla guerra e all’aumento dei tassi di interesse.

Adb ha ridotto marginalmente le previsioni sull’inflazione regionale per quest’anno, portandole al 4,4% dal 4,5%, ma ha alzato le proiezioni sull’aumento dei prezzi per l’anno prossimo, portandole al 4,2% dal 4,0%.

Adb ha dichiarato che le previsioni si basano sulle informazioni disponibili al 30 novembre, una settimana prima che la Cina cominciasse ad allentare le sue restrizioni zero-COVID, che avevano scatenato le proteste.

Se da un lato l’allentamento delle restrizioni in Cina ha il potenziale di stimolare la crescita economica, dall’altro potrebbe creare nuovi problemi. L’aumento delle infezioni e delle assenze dal lavoro sembra già causare carenze di manodopera in alcuni settori.

Le previsioni di crescita della Cina per il prossimo anno sono state ridotte al 4,3% dal 4,5% a causa del rallentamento negli Stati Uniti e in Europa, ha dichiarato Adb. Le previsioni per l’India, la seconda economia della regione dopo la Cina, sono rimaste invariate al 7,2%.

Adb ha aumentato le previsioni di crescita del Sud-Est asiatico per quest’anno al 5,5% dal 5,1%, grazie a consumi interni più forti del previsto. Ma la regione è destinata a rallentare l’anno prossimo con una crescita del 4,7%, dal 5,0% della precedente previsione.

«La fiducia dei consumatori e delle imprese sarà probabilmente influenzata dall’inflazione elevata e dall’aumento dei tassi di interesse, mentre la spesa pubblica potrebbe essere ridotta a causa delle ristrettezze delle finanze pubbliche», ha dichiarato la banca.

L’Indonesia, la più grande economia del sud-est asiatico, dovrebbe crescere del 4,8% l’anno prossimo, in calo rispetto al 5,0% previsto a settembre. Tra i declassamenti più marcati, Adb ha tagliato le prospettive di crescita della Malesia al 4,3% dal 4,7%, a causa delle condizioni esterne modeste, e ha ridotto le previsioni per il Vietnam al 6,3% dal 6,7%, a causa delle pressioni inflazionistiche.

Tommaso Dal Passo

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/