ASIA CENTRALE. Diplomazia e guerra per le risorse idriche

192

Il 28 maggio, Meteozhurnal, un sito web russo incentrato sulle condizioni meteorologiche, ha riferito di come l’acqua nei bacini idrici lungo il Canale del Karakum sia scesa a livelli mai visti dal 2001.

L’entità del restringimento del bacino idrico è ben illustrata dallo stato del bacino idrico di Khauz-Khan. A pieno regime, l’invaso dovrebbe estendersi su un’area di 210 chilometri quadrati. Alla fine di maggio 2021, un anno secco, le immagini satellitari hanno mostrato che si era ridotto a 135,5 chilometri quadrati. Come ha scoperto Meteozhurnal, il serbatoio ora copre solo 75,4 chilometri quadrati, riporta Eurasianet.

Il sito web ha offerto alcune spiegazioni. Uno è la prolungata mancanza di precipitazioni e il clima anormalmente caldo visto all’inizio di quest’anno. Ciò ha solo aggravato l’effetto di una siccità vissuta nel 2021-22.

Un altro fattore minore è stato un incidente meteo di gennaio, quando un clima anormalmente freddo ha causato un accumulo di inceppamenti di ghiaccio sul canale del Karakum che ha poi fatto precipitare l’acqua sull’argine. Per più di 10 giorni l’acqua è sgorgata inutilmente nelle sabbie del deserto del Karakum, formando un canale lungo quasi 20 chilometri.

Le conseguenze del malessere del Canale del Karakum sono impossibili da sottovalutare. Nei decenni in cui è stato costruito, dagli anni ’50 fino agli anni ’90, il canale ha completamente rimodellato l’economia del Turkmenistan. Deviando le risorse idriche dall’est al sud e sud-est del paese, ha consentito un aumento radicale della crescita delle colture. Città come la capitale, Ashgabat, così come Turkmenbashi e Balkanabat a ovest, e Mary a sud-est, dipendono in parte o in misura maggiore dall’acqua trasportata dal Canale del Karakum.

Nel vicino Uzbekistan, una nota di intensa urgenza è entrata nei pronunciamenti pubblici sulla crisi idrica, che ora investe pienamente la regione.

In un decreto di emergenza emesso il 3 aprile, il governo uzbeko ha previsto che il livello dell’acqua nell’Amu Darya, il fiume che alimenta il canale del Karakum, si sarebbe ridotto nei “prossimi anni” del 15-20%. Pur facendo questa cupa previsione, l’ufficio del presidente Shavkat Mirziyoyev ha evidenziato la necessità di affrontare la cattiva gestione dell’acqua, metodi di irrigazione obsoleti e un rapido aumento del consumo causato dalla crescita della popolazione.

Poiché ciò non bastasse, il regime talebano in Afghanistan sembra stia facendo notevoli passi avanti verso il completamento del proprio canale Qosh Tepa di 285 chilometri, che spera di utilizzare per l’irrigazione di un massimo di 550.000 ettari di terreno agricolo. Anche quel canale sarà riempito con l’acqua prelevata dall’Amu Darya.

Nel frattempo, Afghanistan e Iran si stanno affrontando con le armi proprio per l’acqua in una battaglia scatenata dalle rivendicazioni rivali sull’acqua del fiume Helmand.

L’Asia centrale come collettivo sta tentando di perseguire un percorso diplomatico più costruttivo. Il 26 maggio, i rappresentanti speciali per l’Afghanistan di Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan, Turkmenistan e Uzbekistan si sono riuniti ad Ashgabat insieme a personalità di spicco di numerose organizzazioni internazionali, tra cui l’Unione Europea e le Nazioni Unite. Secondo un resoconto di questo incontro del ministero degli Esteri turkmeno, tutte le parti hanno assunto la posizione unanime che la comunità internazionale doveva riunirsi per promuovere la stabilizzazione della situazione politica, economica e umanitaria in Afghanistan.

All’inizio di maggio 2022, il presidente turkmeno Serdar Berdimuhamedov ha ordinato a Esenmyrad Orazgeldiyev, il vice primo ministro con il portafoglio per l’agricoltura, di condurre un’analisi sullo stato dei fiumi e dei canali del paese, e quindi di elaborare un piano per migliorarli e inaugurare una maggiore utilizzo della tecnologia di risparmio idrico e cnhiedneod nel contempo una maggiore produzione di cotone.

La svolta del Turkmenistan verso un’agricoltura intensiva e ad alto rendimento sta producendo alcuni risultati positivi.

Ottima cosa per i coltivatori turkmeni, che negli ultimi due anni hanno avuto a che fare sopratutto con gli ispettori della salute e della sicurezza della Russia, importante destinazione di esportazione, ma assai restrittiva sui parametri di qualità.

Anna Lotti

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/