ASIA. A livelli prepandemici il numero di lavoratori migranti

103

Il traffico transfrontaliero di lavoratori migranti in Asia è in aumento, mentre si attenua l’effetto della pandemia. Nel 2022, il numero di nuovi lavoratori migranti è stato di 4,6 milioni, vicino alla cifra precedente alla pandemia, dopo che i Paesi hanno allentato o eliminato le restrizioni imposte per fermare la diffusione delle infezioni.

Mentre il Bangladesh è diventato la principale origine di lavoratori migranti, le rimesse dei lavoratori d’oltremare in generale hanno raggiunto un massimo storico, aiutando le economie dei Paesi d’origine.

Secondo l’Istituto della Banca asiatica per lo sviluppo, Adbi, l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico e l’Organizzazione internazionale del lavoro, nel 2022 i nuovi lavoratori migranti in Asia sono stati 4,6 milioni, con una netta ripresa rispetto agli 1,8 milioni del 2020 e ai 2,2 milioni del 2021. Poiché la Cina ha posto fine alla sua politica di zero-covid, si prevede che il numero continuerà a crescere quest’anno e potrebbe raggiungere il livello pre-pandemico di 5 milioni di lavoratori.

La domanda di lavoratori stranieri ha subito una forte impennata a causa della ripresa economica globale stimolata dall’allentamento dei controlli alle frontiere. In particolare, i Paesi produttori di petrolio del Medio Oriente, come l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti, stanno accettando un gran numero di lavoratori provenienti dal Bangladesh e da altri Paesi dell’Asia meridionale.

L’Arabia Saudita e gli altri Paesi del Golfo Persico hanno dato impulso agli investimenti immobiliari e infrastrutturali grazie agli alti prezzi del greggio. Sebbene la spesa aggressiva sia finalizzata a diversificare le industrie dei Paesi che dipendono dall’energia, nel breve termine ha causato carenze di manodopera nell’edilizia e in altri settori. Per compensare la carenza, la rotta dall’Asia meridionale al Medio Oriente è diventata il più grande corridoio per il traffico di lavoratori migranti in Asia.

Secondo l’Adbi, nel 2022 l’Arabia Saudita ha accettato 1,5 milioni di lavoratori provenienti da Paesi e regioni asiatiche. Tra questi, più di 600.000 e 500.000 provenienti rispettivamente dal Bangladesh e dal Pakistan. Anche gli Emirati Arabi Uniti e l’Oman hanno accolto molti lavoratori provenienti da questi due Paesi.

La presenza di lavoratori provenienti dal Bangladesh è notevole anche nel sud-est asiatico. Ad esempio, Singapore e Malesia hanno accettato più di 50.000 lavoratori ciascuno. Inoltre, più di 40.000 si sono recati in Malesia dall’Indonesia.

Nel 2022 il Bangladesh ha superato le Filippine come principale fornitore di lavoratori migranti in Asia, con 1,13 milioni di persone. Il numero di lavoratori provenienti dalle Filippine ha superato 1,6 milioni nel 2016 e nel 2019, ma è diminuito nel 2020. Nonostante una ripresa a 820.000 nel 2022, le Filippine sono rimaste indietro rispetto al Bangladesh.

Tra i lavoratori migranti asiatici che si sono recati negli Stati Uniti e in Europa, gli indiani sono più numerosi degli altri. I visti di lavoro statunitensi, come l’H1B rilasciato ai lavoratori IT e ad altri professionisti, sono stati ottenuti da 200.000 indiani nel 2022, con un aumento del 34% rispetto al 2019. Per contro, i lavoratori cinesi diretti negli Stati Uniti sono stati solo 8.000, a testimonianza delle tensioni tra Stati Uniti e Cina.

I lavoratori migranti, talvolta definiti Diaspora, sostengono l’economia dei loro Paesi d’origine inviando denaro alle loro famiglie. Le rimesse verso la regione Asia-Pacifico hanno raggiunto il massimo storico di 340 miliardi di dollari nel 2022, rappresentando circa il 40% di tutti i trasferimenti internazionali di denaro.

Per i Paesi emergenti e in via di sviluppo, le rimesse dei lavoratori migranti rappresentano oggi una preziosa fonte di valuta estera, oltre agli investimenti diretti esteri e all’assistenza ufficiale allo sviluppo. Le rimesse sostengono i consumi personali e la spesa in conto capitale, riporta Nikkei.

L’India ha ricevuto il maggior numero di rimesse, seguita da Cina e Filippine. Tonga e Samoa nel Pacifico meridionale e Kirghizistan e Tagikistan in Asia centrale hanno ricevuto rimesse pari a oltre il 30% del prodotto interno lordo di ciascun Paese. Poiché la Diaspora dell’Asia centrale lavora spesso in Russia, potrebbe continuare a risentire degli sviluppi della guerra tra Russia e Ucraina.

Luigi Medici

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/