ARTE. Picasso diventa un NFT

120

Gli eredi di Pablo Picasso si stanno lanciando nel commercio del 21° secolo vendendo 1010 pezzi d’arte digitale di una delle sue opere in ceramica che non è mai stata vista pubblicamente, cavalcando la moda dei beni “crypto” che hanno preso d’assalto il mondo dell’arte e della finanza.

Marina Picasso, e suo figlio Florian Picasso stanno cercando di incassare e cavalcare un’ondata di interesse per i token non fungibili, o Nft (Non fungible token), che hanno fruttato milioni per artisti molto meno noti e sono stati criticati da alcuni come schemi di arricchimento costosi per l’ambiente, riporta AP.

Un Picasso, dicono i promotori della sua famiglia, segnerebbe l’ingresso di un Grande Maestro nel gioco. In gergo economico, un Nft è un bene che può essere scambiato su una base di uno a uno. Pensate ai dollari o ai bitcoin – ognuno ha lo stesso identico valore e può essere scambiato liberamente. Un oggetto non fungibile, al contrario, ha un proprio valore distinto, come una vecchia casa o un’auto classica.

Incrociando questa nozione con la tecnologia delle criptovalute nota come blockchain, si ottengono gli Nft. Sono effettivamente certificati digitali di autenticità che possono essere allegati all’arte digitale.

Marina Picasso dice che la ceramica risale all’ottobre 1958, quando era bambina: «È un lavoro che rappresenta un volto, ed è molto espressivo (…) È gioioso, felice. Rappresenta la vita (…) È uno di quegli oggetti che hanno fatto parte della nostra vita, della nostra vita intima – la mia vita con i miei figli».

Si dice che Sotheby’s ospiterà un’asta a marzo che includerà un Nft unico così come la ciotola di ceramica vera e propria, ma la casa d’aste ha poi smentito: «Sotheby’s non venderà una Nft di un’opera di Pablo Picasso». La vendita online di più di mille altri Nft è iniziata attraverso le piattaforme Nifty Gateway e Origin Protocol. Florian Picasso ha detto che si sono accordati sul pezzo di ceramica colorata perché era per iniziare.

Un Nft Picasso porta con sé un simbolismo epocale, qualcosa come quando la collezione dei Beatles fu finalmente messa su iTunes. La famiglia e i suoi manager dicono che l’obiettivo è quello di creare una comunità più giovane di fan di Picasso.

Una parte del ricavato sarà donata a un ente di beneficenza che vuole aiutare a superare la carenza di infermieri, e un’altra ad un’organizzazione non governativa che vuole aiutare a ridurre il carbonio nell’atmosfera. Gli Nft saranno anche accompagnati dalla musica messa insieme da Florian Picasso, che è un Dj e produttore musicale, insieme al cantautore John Legend e al rapper Nas.

Lucia Giannini