ARMI. Salgono le vendite e si amplia la fetta della Cina

108

Le vendite di armi e servizi militari da parte delle 25 maggiori aziende del settore sono state pari a 361 miliardi di dollari nel 2019, l’8,5% in più rispetto al 2018 secondo i nuovi dati dello Stockholm International Peace Research Institute, Sipri.

Le maggiori aziende hanno una presenza internazionale geograficamente diversificata, i nuovi dati del SIPRI’s Arms Industry Database mostrano che le vendite di armi delle 25 maggiori aziende produttrici di armi e di servizi militari del mondo, definite, società di armamenti, hanno totalizzato 361 miliardi di dollari nel 2019. Si tratta di un aumento dell’8,5% in termini reali rispetto alle vendite di armi delle 25 principali società di armamenti nel 2018, riporta Defense Web.

Nel 2019 le prime cinque società di armamenti erano tutte con sede negli Stati Uniti: Lockheed Martin, Boeing, Northrop Grumman, Raytheon e General Dynamics. Queste cinque società hanno registrato complessivamente 166 miliardi di dollari di vendite annuali di armi. In totale, 12 società americane figurano tra le prime 25 aziende del 2019, rappresentando il 61% delle vendite combinate di armi delle prime 25.

Per la prima volta, una società mediorientale appare nella classifica dei primi 25. Edge, con sede negli Emirati Arabi Uniti, è stata creata nel 2019 dalla fusione di oltre 25 società più piccole. Si colloca al numero 22 e rappresenta l’1,3% del totale delle vendite di armi dei primi 25.

Un altro nuovo arrivato nella top 25 nel 2019 è stato L3Harris Technologies (al decimo posto). È stata creata dalla fusione di due società statunitensi entrambe nella top 25 nel 2018: Harris Corporation e L3 Technologies.

La top 25 comprende quattro società cinesi. Tre sono nella top 10: Aviation Industry Corporation of China (Avic; al 6° posto), China Electronics Technology Group Corporation (Cetc; all’8° posto) e China North Industries Group Corporation (Norinco; al 9° posto). Il fatturato combinato delle quattro società cinesi, inclusa la China South Industries Group Corporation (Csgc; al 24° posto), è cresciuto del 4,8% tra il 2018 e il 2019.

I ricavi delle due società russe nella top 25 – Almaz-Antey e United Shipbuilding – sono diminuiti tra il 2018 e il 2019, per un totale di 634 milioni di dollari. Una terza società russa, United Aircraft, ha perso 1,3 miliardi di dollari di fatturato e si è ritirata dai primi 25 nel 2019.

Dopo gli Stati Uniti, la Cina ha rappresentato la seconda più grande quota delle vendite di armi del 2019 da parte delle prime 25 società di armamento, con il 16%. Le sei aziende dell’Europa Occidentale rappresentavano insieme il 18%. Le due società russe in classifica rappresentavano il 3,9%.

Diciannove delle prime 25 maggiori vendite di armi nel 2019 rispetto al 2018. Il maggiore aumento assoluto delle vendite di armi è stato registrato da Lockheed Martin: 5,1 miliardi di dollari, pari all’11% in termini reali. Il maggiore aumento percentuale delle vendite annuali di armi – 105 – è stato registrato dal produttore francese Dassault Aviation Group.

Il rapporto esamina anche la presenza internazionale delle 15 maggiori compagnie di armamenti nel 2019. Queste aziende sono presenti in 49 paesi, attraverso filiali a maggioranza, joint venture e strutture di ricerca. Con una presenza globale che abbraccia 24 paesi ciascuno, Thales e Airbus sono le due aziende più internazionalizzate – seguite da Boeing (21 paesi), Leonardo (21 paesi) e Lockheed Martin (19 paesi).

Il Regno Unito, l’Australia, gli Stati Uniti, il Canada e la Germania ospitano il maggior numero di queste entità straniere. Al di fuori dei poli dell’industria degli armamenti del Nord America e dell’Europa occidentale, il maggior numero di entità di società straniere è ospitato da Australia (38), Arabia Saudita (24), India (13), Singapore (11), Emirati Arabi Uniti (11) e Brasile (10).

Dei 49 paesi che ospitano entità straniere delle 15 principali società di armamenti, 17 si trovano in paesi a basso e medio reddito.

Luigi Medici