Armi, Africa nuovo compratore

37

USA-New York. 5/4/13. Mentre la Russia mantiene il suo status di secondo esportatore mondiale di armi l’Africa si fa varco tra i big esportatori. All’inizio di aprile, l’Assemblea Generale dell’ONU ha approvato a grande maggioranza un nuovo trattato sul commercio delle armi. Il trattato precedente era vecchio di 20 anni e faceva girare, per le armi convenzionali, circa 70 miliardi dollari. Nonostante la riluttanza della Corea del Nord, l’Iran e la Siria – gli unici tre paesi che hanno votato contro di la proposta – il trattato è stato ampiamente sostenuto, ottenendo l’approvazione di 154 delle 193 nazioni presenti. 23 paesi si sono astenuti. A sorpresa tra i maggiori sostenitori del trattato sul commercio delle armi molti Paesi africani mentre tra gli astenuti vi è stata la Russia, il secondo esportatore mondiale di armi dopo gli Stati Uniti e un partner altamente significativo per l’Africa. Come cambierà i rapporti tra Paesi venditori e quelli importatori non è ancora definibile, in particolari modo tra Russia e Africa, di certo c’è che i Paesi africani hanno tutta l’intenzione di rinegoziare i contratti. Nel quadro della sua politica estera, le autorità russe hanno rafforzato una cooperazione tecnico-militare con un certo numero di paesi africani. Questi spesso includono la formazione ufficiale e la vendita di attrezzature militari. Nel 2012, le vendite all’estero di armi provenienti dalla Russia hanno superato i 14 miliardi di dollari, e circa l’80% di queste vendite sono state rappresentate da Rosoboronexport dell’agenzia che fa da mediatore con lo stato. La Stockholm International Peace Research Institute (SIPRI) ha riferito nel dicembre 2011 che la Russia ha venduto il volume più alto di armi l’11% nell’area sub-sahariana. Rosoboronexport cooperazione con gli importatori tradizionali di armi dalla Russia con: Algeria, Angola, Burkina Faso, Botswana, Etiopia, Ghana, Libia, Marocco, Mozambico, Namibia, Sudan, Sud Africa e Uganda.