Mosca sarà autonoma per la produzione di armi

52

RUSSIA – Mosca. 28/07/14. La Russia dopo le sanzioni da parte del mondo occidentale sta riorganizzando la sua industria pronta a produrre in proprio quello che prima importava. «L’industria è pronta alla sostituzione delle importazioni. Se non 100%, all’80%» ha dichiarato Zverev, numero uno della Roselektronika, all’ITAR-TASS. 

 Zverev ritiene che ciò permetterà alla “difesa” Russsa di sostituire completamente «i componenti interni per cinque o sei anni». «E noi crediamo che le misure che abbiamo stabilito nei programmi federali, e ciò che è stato fatto, permetterà di produrre i componenti completi di sostituzione delle importazioni di prodotti militari» – ha detto il capo della Roselektronika. 

Il 17 giugno il nuovo presidente ucraino Petro Poroshenko ha vietato qualsiasi forma di cooperazione tecnico-militare con la Russia. Successivamente, il vice primo ministro Dmitry Rogozin ha detto che Mosca ha già un piano per importazione di beni militari in sostituzione di quelli prodotti in Ucraina. Ha aggiunto che l’industria russa in due anni e mezzo, sarà in grado di abbandonare completamente i prodotti fabbricati nel complesso difensivo Ucraino. Allo stesso tempo, gli esperti hanno dichiarato a questo proposito che rompendo contatti tecnici militari con la Russia, l’Ucraina «si spara a distruggere» il settore principale della sua industria. Rogozin ha aggiunto che «l’industria della difesa ucraina giunge al termine». Secondo il vice ministro della Difesa Yuri Borisov, il Ministero della Difesa russo ha «già un calendario per la sostituzione delle importazioni», ha analizzato l’esistenza di scorte di componenti, «la preparazione per la produzione di tutti i componenti, identificato il responsabile».