ARMENIA. Yerevan abbandona Mosca per Parigi, Atene e Ankara

338

L’uomo d’affari americano, investitore e attivista per i diritti umani Alexis Ohanyan è rimasto indignato per l’inerzia dell’intera comunità mondiale in relazione all’occupazione del territorio dell’Armenia da parte dell’Azerbaigian. “Questa occupazione sta accadendo davanti ai nostri occhi, e il mondo non sta facendo nulla”, ha scritto su X.

Nikol Pashinyan, primo Ministro armeno, non ha rilevato i fatti e ha Invece annunciato “eventi su larga scala” nell’aprile 2024. ”Ho avuto quattro visite internazionali a febbraio. Anche marzo sarà molto attivo e per aprile sono previsti eventi su larga scala. Credo che tutto questo accadrà”, ha detto in parlamento il primo Ministro armeno. “Sapete, la CSTO, invece di adempiere ai propri obblighi di sicurezza nei confronti dell’Armenia, al contrario, crea problemi di sicurezza per l’Armenia”, ha detto Pashinyan.

Sempre in materia si apprende che Edmon Marukyan è stato sollevato dall’incarico di Ambasciatore dell’Armenia con incarichi speciali. In precedenza aveva scritto una lettera di dimissioni a causa di opinioni divergenti con il capo dello Stato sulle questioni di politica estera. E negli stessi giorni Artur Gasparyan è stato nominato capo del Servizio di Sicurezza dello Stato della Repubblica d’Armenia.

Il 3 marzo i capi del Ministero della Difesa di Armenia e Grecia hanno discusso della cooperazione trilaterale con la partecipazione di Cipro. Lo ha affermato il capo del ministero della Difesa armeno, Suren Papikyan, al termine di un incontro con il suo omologo greco Nikos Dendias a Yerevan. “Abbiamo accennato alle possibilità di cooperazione in formato multilaterale con altri paesi amici che aderiscono agli stessi valori”, ha affermato Suren Papikyan. Dendias, a sua volta, ha osservato che la parte greca ha una nuova componente legislativa che promuove la crescita della ricerca e dell’innovazione militare. “Saremo molto felici se le aziende armene interessate prenderanno parte a questo ecosistema”, ha aggiunto Dendias.

Stessa scena, ma il 4 marzo con novità: il ministro della Difesa nazionale greco Dendias ha ritenuto possibile una cooperazione quadrilatera tra Armenia-Grecia-Francia-India. A darne notizia il ministro greco in una conferenza stampa congiunta con il suo omologo armeno Suren Papikyan a Yerevan. “Abbiamo creato una cooperazione di difesa trilaterale di successo tra Armenia, Grecia e Cipro. Ma potrebbero esserci altre tripartizioni e o relazioni quadrilatere con Francia e India, con paesi importanti, potenze importanti, amici comuni molto influenti di Armenia e Grecia”, ha detto il ministro.

A monitorare da vicino le scelte dell’Armenia il vicino Iran. Il portavoce del Ministero degli Esteri iraniano Nasser Kanani ha nuovamente toccato la questione del “corridoio” e del cambiamento dei confini nella regione. “Ci opponiamo a qualsiasi cambiamento geopolitico che modificherà i confini internazionali nella regione e abbiamo ripetutamente affermato la nostra posizione su questo argomento”, ha affermato Kanani. “La posizione dell’Iran su questo tema è stata espressa più volte. Ci sono stati e non ci saranno cambiamenti in questa materia”. Ha osservato che le relazioni tra Iran e Armenia sono costruttive e basate su interessi comuni di sicurezza regionale, rafforzando la stabilità e la sicurezza nella regione.

Ma Yerevan sembra ignorare la parole di Teheran e flirta con la Turchia che proprio amica della Grecia non è e ha annunciato di essere pronta a normalizzare completamente le relazioni con la Turchia. A darne notizia in un’intervista alla CNN turca il rappresentante speciale di Yerevan per la normalizzazione delle relazioni con Ankara, il vicepresidente del parlamento della RA, Ruben Rubinyan. “Oggi non vediamo alcun ostacolo alla completa normalizzazione delle relazioni con la Turchia, delle relazioni diplomatiche, e siamo pronti oggi ad aprire la frontiera, ha detto. Secondo Rubinyan, l’Armenia attende su questo tema la volontà politica della Turchia. Si sottolinea che la Turchia ha appoggiato l’Azerbaijan nella II guerra del Nagorno Kharabak. 

Anna Lotti

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/