ARMENIA. Riaperto il confine turco prima della stagione turistica

898

L’Armenia e la Turchia hanno concordato di aprire il loro confine comune ai cittadini di Paesi terzi e alle persone con passaporto diplomatico prima della prossima stagione turistica, secondo quanto dichiarato dal ministro degli Esteri armeno Ararat Mirzoyan.

Questa mossa fa parte degli sforzi per normalizzare le relazioni tra i due Paesi, che non hanno legami diplomatici da quando la Turchia ha chiuso il confine con l’Armenia nel 1993 come dimostrazione di solidarietà con l’Azerbaigian durante il conflitto per il Nagorno-Karabakh, riporta BneIntelliNews.

Nel luglio 2022, l’Armenia e la Turchia hanno concordato in linea di principio la normalizzazione delle loro relazioni, compresa l’apertura del confine comune ai cittadini di Paesi terzi e l’avvio di voli cargo diretti. Gli inviati speciali di Ankara e Yerevan hanno iniziato i colloqui nel gennaio 2022 per ripristinare pienamente i legami “senza precondizioni”. Da allora, i due Paesi hanno nominato inviati speciali per contribuire alla normalizzazione delle relazioni e hanno avuto quattro incontri.

Il ministro dell’Amministrazione territoriale e delle Infrastrutture dell’Armenia, Gnel Sanosyan, ha annunciato che la riparazione del tratto di 29 km della strada Armavir-Gyumri, al confine con la Turchia, sarà accelerata nel 2023. I lavori di riparazione riprenderanno non appena le condizioni meteorologiche saranno favorevoli. Questa strada collega le regioni occidentali dell’Armenia e attraversa la regione di Shirak, adiacente al confine con la Turchia.

Nonostante sia stato uno dei primi Paesi a riconoscere l’indipendenza dell’Armenia dall’Unione Sovietica, la Turchia e l’Armenia hanno avuto relazioni travagliate. La Turchia non riconosce il genocidio armeno del 1915-1923, che secondo le stime uccise 1,5 milioni di armeni per mano del governo ottomano. Nel 2009, a Zurigo, è stato raggiunto un accordo per stabilire relazioni diplomatiche e riaprire il confine tra Turchia e Armenia. Tuttavia, in seguito la Turchia ha insistito sul fatto che non avrebbe ratificato l’accordo finché l’Armenia non si fosse ritirata dal Nagorno-Karabakh.

Nel 2020, la Turchia ha sostenuto l’Azerbaigian durante la guerra di sei settimane nel Nagorno-Karabakh, che si è conclusa con il controllo da parte dell’Azerbaigian di una parte significativa della regione. Tuttavia, nel febbraio di quest’anno, per la prima volta in 30 anni, è stato aperto il checkpoint terrestre di Margara, al confine tra Armenia e Turchia, per consentire ai camion armeni di consegnare tonnellate di cibo, medicine e altri generi di soccorso alle regioni turche colpite da un forte terremoto.

Il ministro degli Esteri armeno Ararat Mirzoyan si è recato in Turchia il 15 febbraio per incontrare la squadra armena di ricerca e soccorso che opera ad Adiyaman. In seguito al recente terremoto di Adiyaman, una squadra di ricerca e soccorso armena di 27 membri è stata dispiegata nell’area dopo la telefonata del primo Ministro Nikol Pashinyan con il Presidente turco Recep Tayyip Erdogan. L’Armenia ha anche inviato cinque camion che trasportavano 100 tonnellate di cibo, medicine e altre forniture di soccorso alla Turchia attraverso un confine chiuso dal 1993.

All’inizio del suo intervento, il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu ha ringraziato il suo omologo armeno Ararat Mirzoyan per aver espresso solidarietà e condoglianze alla Turchia subito dopo il recente terremoto. Ha sottolineato che la normalizzazione delle relazioni nel Caucaso meridionale continua e che la cooperazione nella sfera umanitaria sosterrà questo processo.

«I progressi che verranno compiuti nella normalizzazione delle relazioni dell’Armenia con la Turchia e l’Azerbaigian garantiranno pace e prosperità nella nostra regione. Abbiamo parlato con il mio collega Ararat Mirzoyan dei passi da compiere nella normalizzazione delle relazioni tra Armenia e Turchia. Abbiamo anche ricevuto da lui informazioni sui colloqui di pace globali tra Armenia e Azerbaigian. In particolare, voglio dire da qui che se questi tre Paesi compiranno passi sinceri, stabiliremo una pace permanente nel Caucaso meridionale; la pace in questa regione è estremamente importante per la prosperità economica», ha dichiarato il ministro degli Esteri turco.

Antonio Albanese

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/