ARMENIA. Il 25 maggio trilaterale Armenia, Russia e Azerbaigian per il Nagorno Karabakh

247

Il primo Ministro armeno Nikol Pashinyan ha definito “progressi“ il suo incontro con il presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev e il presidente del Consiglio europeo Charles Michel a Bruxelles il 14 maggio scorso. «Tre giorni fa (14 maggio ndr), attraverso la mediazione del capo del Consiglio europeo, abbiamo fatto un ulteriore passo avanti, sottolineando che l’Armenia riconosce il territorio dell’Azerbaigian in 86,6mila chilometri quadrati e l’Azerbaigian riconosce il territorio dell’Armenia in 29,8 mila km2», ha detto Pashinyan al quarto vertice del Consiglio d’Europa a Reykjavik mercoledì.

Allo stesso tempo, ha annunciato la necessità di inviare una missione conoscitiva internazionale in Nagorno-Karabakh e nel corridoio di Lachin. Un corridoio dove gli azeri hanno messo dei posti di blocco non autorizzati. E da dove non passano merci per la popolazione del Nagorno Karabakh che rischia la crisi umanitaria.

La situazione a differenza di quanto afferma Pashinyan è molto tesa. A titolo intimidatorio lo stesso figlio del primo Ministro armeno, Ashot Pashinyan, è stato rapito mercoledì, secondo il quotidiano Haykakan Zhamanak di proprietà della famiglia Pashinyan. «Oggi, verso le 15:00, il figlio del primo Ministro dell’Armenia, Ashot Pashinyan, è stato prelevato dal territorio vicino alla casa. Secondo i dati preliminari, i partecipanti al fallito rapimento sono membri del Call of Sons organizzazione pubblica (creata dai genitori dei soldati morti nella guerra del Karabakh nell’autunno del 2020) Hanno costretto Ashot Pashinyan a salire in macchina, ma a un certo punto Ashot è riuscito a saltare fuori dall’auto, dopodiché il figlio del premier è stato investito da un’auto della stessa organizzazione, che lo seguiva da dietro», scrive il giornale. Non sarebbe in pericolo di vita.

Il primo ministro armeno Nikol Pashinyan ha dichiarato che il 25 maggio si terrà a Mosca per un incontro trilaterale con il presidente azero Ilham Aliyev attraverso la mediazione del presidente russo Vladimir Putin. I colloqui avverranno pochi giorni dopo l’incontro a livello dei vertici dei ministeri degli Esteri dei tre Paesi il 19 maggio nella capitale russa, che dovrebbe essere una preparazione all’incontro ai massimi livelli.

L’ordine del giorno della riunione dei capi di stato è abbastanza chiaro sullo sfondo dell’evolversi della situazione nel Transcaucaso. Un’altra domanda è se questo sarà di qualche utilità, viste le tendenze attuali in Armenia e Nagorno-Karabakh.

La tensione cresce e le critiche di vari rappresentanti delle autorità armene contro la Federazione Russa non si placano. Allo stesso tempo, lo stesso Pashinyan parla sempre più spesso di raggiungere una sorta di accordo con l’Azerbaigian durante un recente incontro a Bruxelles.

Anna Lotti

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/