ARMENIA. Cresce l’export verso Mosca: la difficile posizione di Yerevan

123

Mentre le sanzioni internazionali colpiscono la Russia e molte aziende occidentali hanno smesso di fare affari nel Paese, Mosca ha cercato di colmare le lacune con un programma che chiama “importazioni parallele”.

L’Armenia ha registrato un aumento di quasi il 50% degli scambi commerciali con la Russia, sollevando interrogativi sul ruolo che l’Armenia sta svolgendo nel rifornire la Russia dei beni esteri di cui l’economia russa ha bisogno.

Sebbene i dati non siano conclusivi sul fatto che le aziende armene siano effettivamente impegnate in esportazioni parallele o riesportazioni, i numeri del commercio grezzo hanno attirato l’attenzione dei diplomatici occidentali a Yerevan.

Le esportazioni armene verso la Russia, suo principale partner commerciale, sono cresciute del 49% nella prima metà del 2022 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, come ha riferito all’inizio di agosto l’agenzia statistica ufficiale del Paese; le importazioni sono cresciute del 42%.

Ciò suggerisce un forte livello di riesportazione, riporta Eurasianet: il settore manifatturiero è cresciuto solo del 2,7%, a fronte di una crescita complessiva delle esportazioni di oltre il 50%.

Tuttavia, è difficile ottenere dati autorevoli. Le autorità doganali armene rilasciano statistiche solo due volte l’anno e le ultime pubblicate riguardano il 2021. La Russia, invece, ha smesso di pubblicare dati, l’ultimo aggiornamento risale a gennaio, il mese prima che i carri armati russi entrassero in Ucraina. Senza questi dati, è impossibile sapere se l’aumento delle esportazioni dall’Armenia provenga da quel Paese o da un Paese terzo.

Le sanzioni contro la Russia e una potenziale crisi economica in quel Paese sono gravidi di conseguenze per l’economia armena, che dipende fortemente dalla Russia. Ma i funzionari armeni hanno anche sottolineato gli aspetti positivi del nuovo contesto. «Le aziende russe sottoposte a restrizioni possono entrare nei mercati internazionali in altri modi, anche attraverso il territorio armeno», ha dichiarato il ministro dell’Economia Vahan Kerobyan a Shant TV poco dopo l’inizio della guerra in Ucraina; «Insieme a molti problemi, ci sono anche piccole opportunità», ha poi aggiunto.

La principale esportazione dell’Armenia è quella di metalli pesanti, che nella prima metà del 2022 ha registrato solo un aumento del 4% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Tuttavia, le esportazioni di prodotti alimentari trasformati sono aumentate del 36% e il settore delle esportazioni che ha registrato la crescita più rapida è stato quello dei veicoli terrestri, aerei e acquatici, che è aumentato di 2,3 volte ed è ora la seconda categoria di esportazioni. Questo schema suggerisce che l’aumento delle esportazioni è dovuto alle riesportazioni, riporta il sito 168.am.

Anche se i diplomatici occidentali hanno espresso preoccupazione per modelli simili di riesportazione verso la Russia attraverso la Turchia, il volume del commercio armeno è talmente inferiore che non è considerato un problema. Data la situazione geopolitica dell’Armenia, i governi occidentali sono stati a lungo indulgenti nei confronti delle relazioni economiche con i partner anti-occidentali di Yerevan.

Ora l’Armenia si trova a dipendere dalla Russia più che in qualsiasi altro momento della sua storia indipendente. Gli incontri tra funzionari armeni e russi sono diventati sempre più frequenti dopo la fine della guerra del 2020 con l’Azerbaigian; la Russia ha mediato il cessate il fuoco di quella guerra e le forze di pace russe ora proteggono la popolazione armena del Nagorno-Karabakh.

L’Armenia, a sua volta, si è astenuta da molti voti contrari alla Russia nelle sedi internazionali, ha accettato di acquistare il gas russo in rubli e ha persino in programma di sovvenzionare i collegamenti via traghetto del Mar Nero dalla Georgia per incrementare il commercio con la Russia.

«Gli Stati Uniti sono interessati a indebolire le posizioni della Russia in Armenia. Ma non vogliono nemmeno indebolire la posizione del Primo Ministro Nikol Pashinyan (…) Sanno benissimo che non possono trovare candidati migliori per la leadership», riporta BneIntellinews.

Antonio Albanese