Battesimo per il centro biotecnologico a Chaco

61

ARGERTINA – Buenos Aires. Il presidente ha tenuto un discorso in cui, oltre a riferirsi alle opere inaugurate, i progetti promossi dall’Esecutivo Nazionale e temi comuni nei suoi discorsi come il conflitto con i “fondi avvoltoio”, ha fatto un appello all’unità nazionale con l’obiettivo di eleggere un presidente che possa garantire un “promettente futuro” al Paese.

«Quello che vogliamo lasciare al prossimo presidente è un paese diverso da quello della sofferenza». Cristina Kirchner affatto le dichiarazioni a latere dell’inaugurazione del polo biotecnologico. Il presidente è stato accompagnato dal Capo di Gabinetto Jorge Capitanich; il vice governatore incaricato del governo di Chaco, Juan Carlos Bacileff Ivanoff e il Ministro del Turismo, Enrique Meyer. Il presidente ha riferito che il Centro di Biotecnologie Agrarie del Chaco si concentrerà sulla ricerca e impianti di produzione per consentire un aumento delle coltivazioni agricole e forestali nella regione in modo sostenibile e comprendono piante ornamentali, forestali, industriali, cereali e semi oleosi. Il complesso comprenderà anche una scuola di formazione per la ricerca e lo sviluppo che vi si svolgono nel centro. Mi congratulo con il Chaco, con tutti gli argentini, che hanno permesso alla scienza, e alla tecnologia e alla biotecnologia di avere un posto speciale», ha continuato. Il presidente nello stesso discorso ha detto che dal 2003 in Argentina sono stati generati milioni di posti di lavoro e che oggi l’Argentina è il paese con la pensione più alta e con la migliore salario minimo vitale nella regione sud americana. “Per tutto ciò che è per questo che vengono”, ha detto il presidente e ha detto che dietro la controversia con i fondi avvoltoio sono quelli che cercano di prendere in consegna le risorse naturali e umano argentini.