ARGENTINA. Velocità dell’infezione COVID-19 da record a Buenos Aires

672

Le autorità sanitarie argentine hanno riportato 20 nuovi decessi, portando il bilancio delle vittime a 785 il 13 giugno. Con 1.391 nuovi casi confermati di coronavirus, l’Argentina ha stabilito un nuovo record giornaliero di positivi nel paese sudamericano.

Secondo l’ultimo rapporto del ministero della Salute, il totale di infezioni dall’inizio della pandemia ha raggiunto il numero di 28.764. Le autorità sanitarie hanno riportato 20 nuovi decessi, aumentando il bilancio delle vittime a 785, riporta Telesur.

L’area metropolitana della capitale Buenos Aires è la regione più colpita da Covid-19, registrando il 94 percento dei casi del paese. Dei 1.391 nuovi casi, la città di Buenos Aires ne ha riportati 565 ed è arrivata a 13.591 totali. Nella provincia omonima, 744 nuove infezioni sono state segnalate per raggiungere quota 11.712.

La provincia di Chaco, nel nord del paese, ha riportato 39 nuovi casi ed è arrivata a 13.591 infezioni da coronavirus. Nell’ultimo bollettino, il primo caso di Covid-19 è stato confermato nella provincia di Formosa, dove fino ad ora non c’erano infezioni. Secondo il Ministero, ci sono altri 24 pazienti sospetti nel distretto.  L’unica provincia argentina in cui non sono stati registrati casi di coronavirus è anche la Catamarca settentrionale.

La scorsa settimana, il presidente argentino Alberto Fernandez aveva espresso preoccupazione per l’aumento del numero di persone infettate dalla pandemia di coronavirus, che va ad incidere su un quadro economico-sociale critico. Il presidente argentino aveva detto che la provincia di Buenos Aires, dove sono state recentemente riattivate le attività economiche, era una delle province più colpite dall’aumento del numero di persone infette: «Sapevamo fin dal primo giorno che avremmo avuto una crescita sostenuta dei casi, la nostra politica è stata quella di lasciar perdere per dare al sistema sanitario il tempo di prepararsi, e stiamo raggiungendo questo obiettivo», aveva detto Fernández.

Il 20 marzo il governo argentino ha decretato una misura di contenimento obbligatoria per contrastare la diffusione di Covid-19 nel Paese sudamericano. 

Tommaso dal Passo