ARGENTINA. Londra può bloccare l’acquisto dei J17 pakistani?

127

L’Argentina insiste nel dire che l’acquisto di 12 JF-17 Thunder per 664 milioni di dollari è prematuro, ma si ritiene che sia solo una storia per tener buoni gli inglesi.

Tuttavia, l’ambasciata argentina a Islamabad ha detto che «nessuna decisione finale è stata presa, poiché ci sono cinque alternative in corso di valutazione (…) Non abbiamo informazioni su queste alternative», riporta Defense News.

Gia in precedenza, riporta il think tank argentino Cries, c’è stata una speculazione sull’acquisto di Mirage F-1M e con i Kfirs, cancellati all’ultimo minuto nel 2015, e con i fondi già messi in bilancio.

Per il Cries, il JF-17 è una scelta attraente per l’Argentina perché l’aereo è «fuori dalla portata di un possibile veto del Regno Unito sulle parti, e allo stesso tempo è l’unico nuovo aereo all’interno dei vincoli di bilancio delle forze aeree argentine». Il Regno Unito ha precedentemente fatto pressione sui fornitori per cancellare gli accordi con l’Argentina, o li ha sabotati con l’embargo di componenti britannici critici. La Gran Bretagna sta effettivamente mantenendo un embargo sulle armi all’Argentina dalla guerra delle Falkland del 1982.

Nell’ultimo decennio, il paese ha fatto pressione sulla Spagna per scartare un accordo per la fornitura di caccia Mirage F1M, e l’accordo per i jet Kfir da Israele sembra essere fallito a causa della pressione britannica e dal controllo americano dei motori J79 dell’aereo. La Gran Bretagna ha anche effettivamente posto il veto alla vendita all’Argentina dei Saab Gripen svedesi su licenza brasiliana e degli aerei FA-50 della Korea Aerospace Industries. E il Regno Unito ha fermato il ritorno al servizio argentino degli ex aerei d’assalto francesi Super Etendard Modernisé, rifiutando di fornire l’autorizzazione all’esportazione di componenti britannici.

Tuttavia, il JF-17 può funzionare con sottosistemi esclusivamente cinesi, rendendolo di fatto immune dalla pressione britannica e a quella Usa che hanno offerto F-16 usati, e F/A-18 modernizzati, riporta Defence News.

La quarta generazione JF-17 è sviluppata e prodotta congiuntamente dalla Chengdu Aerospace Corporation cinese e dal Pakistan Aeronautical Complex, l’ultimo dei quali produce il 58 per cento della cellula e intraprende l’assemblaggio finale. L’ultima variante Block III, in produzione per il Pakistan e offerta all’Argentina, presenta una serie di miglioramenti tra cui un radar attivo a scansione elettronica, più la scelta di un motore cinese WS-13 piuttosto che il russo RD-93 che ha alimentato le prime due varianti e quelle in servizio in Pakistan.

La Gran Bretagna sta osservando da vicino lo sforzo di approvvigionamento a causa del pacchetto di armi dell’aereo: «Anche se il JF-17/FC-1 come piattaforma ha solo modeste caratteristiche di aereo da combattimento, alcuni dei missili cinesi aria-aria e aria-superficie che sono stati o sono già integrati sul velivolo sono capaci, in particolare il PL-10 IIR AAM a corto raggio e il PL-12 AAM a guida radar attiva», riporta il britannico Iiss.

L’aeronautica militare argentina ha lottato per sostituire i vecchi aerei e mantenere le capacità offensive, avendo ritirato quasi tutti gli aerei da combattimento di prima linea, tranne alcuni A-4AR Fightinghawk, ora supportati da un numero ancora più piccolo di addestratori a reazione IA-63 Pampa.

Luigi Medici