ARGENTINA. Il litio di Buenos Aires fa gola a americani e cinesi

107

Secondo l’ultimo rapporto del Segretariato Nazionale delle Miniere argentino, il litio non è lontano dal diventare la voce principale dell’industria mineraria, anche se l’oro e l’argento continuano a primeggiare.

Il documento diffuso dall’agenzia sudamericana mostra i dati fino a luglio 2022, dimostrando che il mese scorso le esportazioni minerarie sono state pari a 291 milioni di dollari, il 15% in più rispetto a luglio 2021, accumulando 2,209 miliardi di dollari nei primi sette mesi dell’anno, con una crescita del 31% a/a, riportano Infobae e MercoPress.

Le due principali province minerarie rimangono Santa Cruz e San Juan. Santa Cruz ha registrato vendite all’estero per 1 miliardo di dollari (45,2% delle esportazioni totali) e San Juan per 524 milioni di dollari (23,7%). Ma nelle province nord-occidentali il business sta prendendo piede grazie al litio.

Mentre le esportazioni minerarie di Santa Cruz e San Juan sono aumentate del 14,9% e del 23,3%, quelle di Catamarca, Salta e Jujuy, il “triangolo del litio” argentino, sono aumentate del 65% nello stesso periodo.

A luglio, le esportazioni minerarie di Santa Cruz sono diminuite del 33,3% rispetto all’anno precedente e sono state, per quel mese, le più basse degli ultimi quattro anni. Tuttavia, quelle di Catamarca, Salta e Jujuy sono aumentate del 131,8%.

Queste tre province del nord-ovest argentino rappresentano già quasi il 29% delle esportazioni minerarie del Paese, superando quelle di San Juan, e il loro peso negli ultimi mesi è ancora maggiore. A luglio hanno esportato 128 milioni di dollari, quasi il 35% in più rispetto ai 95 milioni di dollari di Santa Cruz. A luglio, inoltre, le vendite di litio hanno superato quelle di argento e hanno rappresentato da sole il 15% delle esportazioni minerarie del Paese.

Sebbene le principali attività minerarie del Paese si trovino ancora a San Juan (Veladero) e Santa Cruz (Cerro Vanguardia, Cerro Negro, Cerro Moro), focalizzate su oro e argento, i giacimenti di litio come Salar de Olaroz e Pirquitas a Jujuy e Lindero a Salta sono già sulla mappa, e il progetto multimilionario della società cinese Ganfeng Lithium, che all’inizio di luglio ha acquistato per 962 milioni di dollari i diritti della Lithea Inc. su due bacini di sale di litio a Salta, che, a differenza di Catamarca e Jujuy, non esporta ancora l'”oro bianco”. Ganfeng è uno dei fornitori di batterie di Tesla, il principale produttore mondiale di veicoli elettrici. La Cina rappresenta l’80% della produzione mondiale di batterie: 558 GWh nel 2021, contro i 44 GWh degli Stati Uniti e i 28 GWh dell’Ungheria, seconda classificata.

Anche gli Stati Uniti sono molto interessati al litio argentino. Un anno fa, uno studio del Center for Strategic and International Studies, Csis, ha sottolineato che l’Argentina «è il caso più promettente per l’espansione dell’industria del litio». Il Paese, sottolineava lo studio, possiede le seconde riserve più grandi al mondo, dopo la Bolivia, e le terze più grandi riserve “commercialmente praticabili”, dopo Cile e Australia, e metteva in evidenza due operazioni in corso, a Jujuy e Catamarca: le saline di Olaroz e Hombre Muerto. Lo studio, firmato da Ryan Berg, ricercatore senior del CSIS, ha sottolineato che il Paese è il principale fornitore di litio degli Stati Uniti e, sulla base di dati ufficiali, ha specificato che tra il 2016 e il 2019 il 55% del litio importato dagli USA proverrà dall’Argentina, seguita da Cile (36%) e Cina (5%).

Alla base di questo dinamismo del litio ci sono la cosiddetta “transizione energetica”, concetti come “elettromobilità”, fenomeni come Tesla, con un impatto sull’industria automobilistica globale, e l’aumento dei prezzi dei minerali necessari per la produzione di batterie, come nichel, grafite e litio. Secondo Trading Economics, negli ultimi dodici mesi il prezzo del carbonato di litio è aumentato del 335%, mentre quello dell’oro e dell’argento è sceso rispettivamente del 5% e del 21%.

Le esportazioni minerarie non hanno ancora un grande peso nelle esportazioni argentine: nei primi sette mesi hanno rappresentato poco più del 4% del totale. Ma è uno dei settori, gli altri sono l’Energia, l’Agroindustria e l’Economia della Conoscenza, su cui il team del ministero dell’Economia sta scommettendo per attrarre investimenti internazionali con proiezione sulle esportazioni. Il limite principale continua ad essere il regime dei tassi di cambio e quanto sia poco attraente per gli investitori stranieri immettere capitali in un Paese che non offre sicurezza di accesso alla valuta estera.

L’oro (61,5%) e l’argento (38,3%) rappresentano oltre il 99% delle esportazioni minerarie di Santa Cruz, mentre l’oro da solo rappresenta il 96,5% delle esportazioni di San Juan. Nelle province nord-occidentali il paniere è più equilibrato e si sta spostando verso il litio, che nei primi sette mesi dell’anno ha rappresentato il 52,7% delle esportazioni minerarie, rispetto al 24,3% dell’oro e al 15,7% dell’argento.

Per quanto riguarda la destinazione delle esportazioni, la Svizzera (35,2%), gli Stati Uniti (33,1%) e il Canada (21,9%) hanno assorbito oltre il 90% delle esportazioni di oro e argento da Santa Cruz e la Svizzera (51,4%) e l’India (45,1%) oltre il 95% di quelle da San Juan. Le province del “triangolo del litio” hanno una clientela più diversificata: vendono il 25,7% dei loro minerali agli Stati Uniti, il 24,8% alla Cina, il 17,2% al Giappone, il 10,3% alla Corea del Sud e il 22% al “resto del mondo”.

Lucia Giannini