ARGENTINA. Evo Morales chiede asilo politico in Argentina

74

L’ex presidente boliviano Evo Morales è arrivato il 12 dicembre in Argentina dove gli sarà concesso lo status di rifugiato, ha detto il nuovo ministro degli Esteri argentino Felipe Sola. A Morales è stato concesso asilo per viaggiare in Argentina e aveva fatto la richiesta di status di rifugiato per rimanere, ha detto Sola sul canale televisivo Tn, riporta Reuters.

L’arrivo di Morales, che si è dimesso dopo il crollo del suo governo a novembre sulla scia di una contestata elezione, arriva appena due giorni dopo l’insediamento del nuovo presidente argentino Alberto Fernandez.

Fernandez ha detto che c’era stato un “colpo di stato” contro Morales quando si è dimesso: «Vogliamo che Evo Morales si impegni a non fare dichiarazioni politiche in Argentina», ha detto Sola, aggiungendo che anche altre quattro persone hanno chiesto asilo.

Morales si è dimesso dalla presidenza il 10 novembre dopo che l’Organizzazione degli Stati Americani, Osa, ha dichiarato che ci sono state gravi irregolarità durante le elezioni del 20 ottobre, spingendo gli alleati politici a lasciarlo e l’esercito a esortarlo a dimettersi.

Morales era già stato in Messico, dove gli è stato concesso l’asilo dopo le sue dimissioni. Si è recato a Cuba la settimana scorsa per un appuntamento medico, ha detto un ex funzionario del suo governo a Reuters all’epoca. «Ieri ho avuto una conversazione con Evo Morales che mi ha informato della sua decisione di trasferirsi a Buenos Aires. Ha ringraziato la generosità del popolo e del governo del Messico», ha twittato il 12 dicembre  il ministro degli Esteri messicano Marcelo Ebrard.

La settimana scorsa, Morales si trovava in Messico, dove ha ricevuto asilo dopo il crollo del suo governo a novembre a seguito di una controversa elezione presidenziale, dove si è assicurato un quarto mandato. In Bolivia sono scoppiate proteste di massa dopo che sono stati annunciati i risultati delle elezioni.

Il parlamentare dell’opposizione Jeanine Anez ha assunto la presidenza ad interim, mentre Morales ha definito la situazione come un colpo di stato.

Sola ha detto che non era previsto alcun incontro tra Morales e Fernandez, ma che potevano parlare al telefono. Sola ha poi aggiunto che Morales è arrivato nel paese insieme all’ex vicepresidente boliviano Alvaro Garcia Linera dopo che il ministero degli Esteri argentino ha concesso loro l’asilo il giorno prima. Il ministero degli Interni argentino elaborerà il loro status di rifugiato prossimamente, riporta Sputnik.

Lucia Giannini