ARGENTINA. Buenos Aires vuole riaprire le relazioni con Caracas

156

Il presidente argentino Alberto Fernández il 18 Aprile ha sottolineato che tutti i paesi devono riprendere i pieni legami diplomatici con il Venezuela, che non può sopravvivere da solo. Fernández ha fatto queste osservazioni dopo un incontro alla Casa Rosada con il presidente ecuadoriano Guillermo Lasso.

«È tempo di aiutare il Venezuela», ha detto Fernández invocando il suo titolo di presidente pro-tempore della Celac «È un passo che stiamo facendo e invito i paesi latinoamericani a rivederlo perché il Venezuela ha attraversato un momento difficile», ha aggiunto, riporta Mercopress.

Lasso era a Buenos Aires come parte del suo tour River Plate; il presidente argentino ha ribadito che «Pensiamo che sia giunto il momento di parlare del Venezuela. Come primo passo, l’Argentina vuole recuperare il suo pieno legame diplomatico con il Venezuela. È un passo che stiamo facendo e invito i paesi latinoamericani a rivederlo perché il Venezuela ha attraversato un momento difficile», ha detto Fernández.

Lasso si è limitato a rispondere che la proposta di Fernández sarà considerata, ma «non siamo ancora pronti a prendere una decisione».

Fernández ha anche affrontato la crisi migratoria venezuelana. «Dobbiamo ottenere che il Venezuela torni a funzionare normalmente e che i venezuelani che sono emigrati possano tornare a godere della loro patria. Non c’è niente di più ingrato che essere costretti a lasciare la loro terra per cercare un futuro in altri», ha detto Fernández mentre promuoveva la “fraternità” tra i paesi dell’America Latina e dei Caraibi sotto il Celac.

Dopo l’incontro bilaterale, Fernández e Lasso hanno firmato una serie di accordi bilaterali prima di apparire in una conferenza stampa congiunta, durante la quale il leader argentino ha ringraziato il suo ospite per unirsi a lui nella sua «proposta di unire l’America Latina, anche quando non sempre la pensiamo allo stesso modo».

L’entourage di Lasso ha anche tenuto riunioni con funzionari locali riguardanti la produzione, l’agricoltura e la pesca. L’agenda del presidente ecuadoriano includeva una sosta al Segretariato del Trattato Antartico e un incontro con uomini d’affari nell’ambito del programma “Ecuador Open for Business”.

Maddalena Ingroia