ARGENTINA. Buenos Aires punta sullo scisto per la ripresa

90

Per un decennio, i governi argentini che si sono succeduti a Buenos Aires hanno attuato una serie di politiche volte a ridurre le importazioni di energia e a sfruttare il vasto potenziale di idrocarburi del paese latinoamericano. Mentre la produzione di greggio e di gas naturale è cresciuta costantemente dal 2011, quando l’ex presidente e ora vicepresidente Cristina Fernandez de Kirchner ha nazionalizzato la compagnia energetica Ypf, oggi sta lottando per raggiungere gli obiettivi desiderati da Buenos Aires.

Il vasto bacino di petrolio e gas naturale di scisto Vaca Muerta si trova nel bacino di Neuquen, nel nord della Patagonia. Si stima che la formazione geologica contenga il secondo più grande giacimento di gas di scisto al mondo, con risorse recuperabili stimate per un totale di 308 trilioni di piedi cubi di gas naturale e 16 miliardi di barili di petrolio greggio. La sconfitta dei peronisti al potere nelle primarie congressuali di metà settembre 2021 in Argentina sta mettendo una notevole pressione sul presidente Alberto Fernandez per risolvere la miriade di problemi economici del paese. È lo sviluppo del gioco di scisto Vaca Muerta che è percepito da Buenos Aires come una soluzione per i problemi economici dell’Argentina, in particolare l’inflazione dilagante, il conto corrente vulnerabile e un’economia debole, dove il Pil si è ridotto del 10% lo scorso anno, riporta Oil Price.

Con la legge per ulteriori riforme del settore degli idrocarburi, Buenos Aires spera di attirare maggiori investimenti su Vaca Muerta spingendo così una maggiore attività di perforazione e la spesa per le infrastrutture di idrocarburi urgentemente necessarie.

I dati del ministero dell’Economia argentino mostrano che la produzione totale di petrolio greggio per la terza economia dell’America Latina ha raggiunto una media di 508.228 barili al giorno ad agosto. Si tratta quasi dell’1% in meno rispetto al mese precedente, ma un notevole 7,6% in più rispetto allo stesso mese del 2020. Anche la produzione di gas naturale è salita con una media di 840.773 barili di petrolio equivalente al giorno, un aumento del 2,3% mese per mese e del 6,4% superiore a un anno prima.

La produzione totale di idrocarburi ad agosto 2021 è salita dell’1,2% mese su mese e del 6,8% anno su anno a 1,35 milioni di barili di petrolio equivalente al giorno. Alla fine di agosto 2021 c’erano 45 impianti di perforazione operativi in Argentina, uno in meno di un mese prima e più tre rispetto allo stesso periodo nel 2020.

Questo, insieme alla solida attività di fracking, indica una forte ripresa operativa nel settore energetico argentino, anche se deve ancora raggiungere i livelli pre-pandemici, soprattutto nella formazione Vaca Muerta che è pronta a competere con gli Stati Uniti.

Tuttavia, c’è bisogno di ulteriori riforme da parte di Buenos Aires per attrarre il capitale urgentemente richiesto dalle compagnie energetiche straniere per sostenere l’esplorazione, la perforazione e le operazioni di fracking, così come la produzione di idrocarburi.

Il rigido controllo dei capitali dell’Argentina impedisce al capitale di lasciare la terza economia più grande dell’America Latina. Questi regolamenti agiscono come un notevole impedimento per le compagnie energetiche straniere perché impediscono loro di rimuovere i profitti dall’Argentina e limitano la quantità di capitale che possono prendere in prestito per investire in progetti di idrocarburi.

Le restrizioni volte a sostenere le riserve di valuta estera, in particolare di dollari, complicano ulteriormente le cose per le compagnie petrolifere straniere che operano in Argentina. Questi controlli sono stati responsabili di aver quasi causato il default della compagnia petrolifera nazionale Ypf, che è posseduta al 51% dal governo argentino, perché non era in grado di accedere a sufficienti dollari per soddisfare i rimborsi. La riforma tenderebbe ad allentare questi rigidi controlli.

Ypf prevede che il prezzo medio di pareggio scenda sotto i 30 dollari al barile, rendendo lo scisto un’operazione altamente competitiva e redditizia.

Anna Lotti