ARABIA SAUDITA. Riyadh tra petrolio e turismo

56

Continua la via saudita per la diversificazione delle sue entrate: Saudi Aramco acquisirà il 40% del capitale della compagnia petrolifera pakistana.

La compagnia petrolifera nazionale saudita Saudi Aramco ha firmato accordi definitivi per acquisire una partecipazione del 40% in Gas & Oil Pakistan – GO.

Gas & Oil Pakistan è un rivenditore diversificato di carburanti ed è una delle più grandi società di vendita al dettaglio e stoccaggio di prodotti alimentari in Pakistan. La transazione è soggetta a determinate condizioni, comprese le approvazioni normative.

L’acquisizione pianificata segna il primo ingresso di Aramco nel mercato della vendita al dettaglio di carburanti in Pakistan.

Questa transazione consentirà a Saudi Aramco di assicurarsi ulteriori punti vendita per i suoi prodotti e aprirà nuove opportunità di mercato per sviluppare un portafoglio integrato di prodotti di raffinazione, marketing, lubrificanti, commercio e prodotti chimici in tutto il mondo.

Secondo Mohammed Al Qahtani, vicepresidente senior di Saudi Aramco, Pakistan GO dispone di riserve di stoccaggio significative, risorse di qualità e potenziale di crescita, che contribuiranno a lanciare il marchio Saudi Aramco nel mercato pakistano.

Non solo, l’Arabia Saudita si è classificata al secondo posto tra le destinazioni turistiche in più rapida crescita. Secondo il rapporto del Barometro dell’Organizzazione Mondiale del Turismo delle Nazioni Unite (UNWTO), il Regno dell’Arabia Saudita è stato classificato come la seconda destinazione turistica in più rapida crescita nel mondo.

Il rapporto indica che il tasso di ripresa del settore turistico in Arabia Saudita ha raggiunto il 150% rispetto ai livelli pre-COVID-19.

Si segnala inoltre che il livello di ripresa più elevato registrato dal turismo internazionale in Medio Oriente a livello globale è pari al 120% rispetto ai livelli pre-pandemia. Oramai il turismo religioso è diventato una realtà importante del turismo mondiale. Ogni anno milioni di persone scelgono mete turistiche religiose per viaggiare. Numerosi infatti gli accordi tra Iraq, Arabia Saudita, Iran per consentire ai pellegrini di visitare i luoghi sacri. 

Lucia Giannini 

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/