ARABIA SAUDITA. Nasce l’asse sino-arabo Pechino Riyadh

134

Pechino sta cercando di respingere una nuova ondata di sanzioni internazionali su presunti abusi dei diritti umani nello Xinjiang, con il suo ministro degli Esteri Wang Yi che elogia l’Arabia Saudita per aver sostenuto le politiche della Cina verso lo Xinjiang. Il 24 marzo, nel suo tour di una settimana in sei paesi del Medio Oriente, Wang ha detto che la Cina avrebbe dato priorità alle sue relazioni con il Medio Oriente nella sua ricerca di sostegno e maggiore influenza nella regione. In seguito Wang visiterà Turchia, Iran, Emirati Arabi Uniti, Oman e Bahrain.

Le sue osservazioni sono state fatte mentre il conflitto della Cina con i paesi occidentali si è intensificato dopo che l’Unione Europea, gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e il Canada hanno fatto una mossa rara e coordinata lunedì per punire i funzionari e le entità cinesi sulla repressione degli uiguri musulmani da parte di Pechino, riporta Scmp.

Il consigliere di Stato cinese e ministro degli Esteri Wang Yi e il principe ereditario dell’Arabia Saudita Mohammed bin Salman bin Abdulaziz Al Saud hanno concordato di opporsi a qualsiasi interferenza negli affari interni di altri paesi e difendere gli interessi dei paesi in via di sviluppo, riporta Cgtn.

Wang ha detto che far avanzare i legami con l’Arabia Saudita, un importante partner strategico della Cina in Medio Oriente, è una priorità per le politiche cinesi in Medio Oriente. «La Cina sostiene l’Arabia Saudita nella salvaguardia della sua sovranità, dignità nazionale, sicurezza e stabilità, e si oppone all’interferenza negli affari interni dell’Arabia Saudita sotto qualsiasi pretesto», ha detto il ministro degli esteri cinese.

Pechino «sostiene fermamente gli sforzi dell’Arabia Saudita per esplorare e trovare un percorso di sviluppo che si adatti alle sue condizioni», ha detto Wang, aggiungendo che la «Cina è pronta a integrare meglio le strategie di sviluppo tra i due paesi per aiutare l’Arabia Saudita a raggiungere gli obiettivi della visione 2030». Ha anche espresso il forte sostegno della Cina all’Arabia Saudita per giocare un ruolo maggiore nella regione, mentre si impegna a lavorare insieme alla parte saudita per promuovere la pace, la stabilità e lo sviluppo in Medio Oriente.

La Cina apprezza il fermo sostegno dell’Arabia Saudita alla Cina sulle questioni relative alla regione autonoma dello Xinjiang Uygur, la regione amministrativa speciale di Hong Kong e Taiwan, ha detto Wang, sottolineando la necessità per i due paesi di rafforzare l’unità e il coordinamento per salvaguardare il sistema internazionale con le Nazioni Unite al centro e l’ordine internazionale basato sul diritto internazionale, opporsi a qualsiasi interferenza negli affari interni di altri paesi, rifiutare azioni unilaterali di bullismo, e difendere gli interessi comuni dei paesi in via di sviluppo.

Il diplomatico cinese ha detto che le due parti possono dare piena attuazione al ruolo del comitato congiunto di alto livello Cina-Arabia Saudita, che dovrebbe prendere l’iniziativa per rafforzare la cooperazione bilaterale in settori tradizionali, come il commercio, gli investimenti e le infrastrutture, così come i campi emergenti, tra cui l’intelligenza artificiale, 5G, big data e tecnologie aerospaziali. I due paesi dovrebbero anche intensificare la cooperazione e gli scambi nel contrastare il terrorismo ed eliminare l’estremismo, secondo Wang.

La Cina è disposta a lavorare insieme all’Arabia Saudita per accelerare i negoziati di libero scambio tra la Cina e i paesi del Golfo per raggiungere un accordo in tempi brevi, ha osservato Wang, aggiungendo che la Cina e l’Arabia Saudita dovrebbero fare insieme buoni preparativi per il prossimo vertice Cina-Arabia e costruire una comunità sino-araba con un futuro condiviso.

Mohammed bin Salman ha detto che la Cina è una potenza mondiale con un’influenza significativa, sottolineando che la sua rinascita è inevitabile. L’ascesa della Cina è di buon auspicio per la pace globale, la stabilità e la prosperità, così come uno sviluppo globale più equilibrato. L’Arabia Saudita, che attribuisce grande importanza al suo partenariato strategico globale con la Cina, è disposta a migliorare continuamente la cooperazione bilaterale nel settore petrolifero, petrolchimico, dell’energia nucleare e in altri campi energetici, ed espanderla in nuovi campi come il 5G, le telecomunicazioni e le tecnologie digitali, ha detto il principe ereditario.

I due paesi aumenteranno anche la cooperazione in materia di sicurezza e antiterrorismo per elevare i legami bilaterali a un livello superiore, ha detto Mbs.

Riyadh è disposta a fare sforzi congiunti con la Cina per portare avanti i negoziati di libero scambio tra la Cina e i paesi del Golfo, al fine di raggiungere un accordo più presto, e sostiene fermamente la posizione legittima della Cina sulle questioni relative a Xinjiang e Hong Kong, si oppone all’interferenza negli affari interni della Cina sotto qualsiasi pretesto, e respinge il tentativo di alcune parti di seminare dissenso tra la Cina e il mondo islamico, ha detto Mohammed a Wang.

Lucia Giannini