ARABIA SAUDITA. Mosca resta nell’OPEC+

108

L’Arabia Saudita ha dichiarato che includerà ancora la Russia nel gruppo OPEC+ e intende continuare a collaborare con la Russia e altri Stati produttori di petrolio non OPEC per bilanciare i mercati energetici globali, nonostante le sanzioni occidentali sul commercio del greggio russo.

Il principe Abdulaziz bin Salman, ministro dell’energia del regno, ha dichiarato, lo scorso 22 maggio, che Riyadh intende ancora includere Mosca negli accordi tra i membri del gruppo OPEC+. L’Arabia Saudita intende «elaborare un accordo con l’OPEC+… che includa la Russia», ha dichiarato al Financial Times.

Ha inoltre affermato che la cooperazione tra i produttori di petrolio ha un valore oggettivo e che “il mondo dovrebbe apprezzare il valore” di un’alleanza come l’OPEC+.

Il principe ha parlato in un momento in cui l’OPEC+ si sta preparando a discutere di nuove quote di produzione. Il regime che i membri del gruppo hanno messo in atto nell’aprile 2020 scadrà tra tre mesi e l’Arabia Saudita, come altri produttori, ha subito notevoli pressioni per aumentare la produzione al fine di far scendere i prezzi dal livello attuale, pressioni che finora ha ignorato.

Il 23 maggio, i futures sul Brent di prima istanza erano scambiati a Londra a più di 113 dollari al barile. Questo valore è inferiore ai massimi di otto anni registrati all’inizio di marzo, poco dopo l’invasione russa dell’Ucraina, ma non di molto.

Le dichiarazioni del principe Abdulaziz, riporta BneIntellinews, sono «un importante segnale di sostegno alla Russia» da parte dell’Arabia Saudita.

Riyadh ha citato altre ragioni per resistere alle richieste occidentali di aumento della produzione che non riguardano Mosca o l’invasione russa dell’Ucraina.

In particolare, i funzionari sauditi hanno ripetutamente affermato di non ritenere che i prezzi siano alti a causa di una reale carenza di offerta. Il Principe Abdulaziz ha sottolineato questo punto affermando che i prezzi del greggio sono alti a causa dell’inadeguata capacità di raffinazione globale.

«Il fattore determinante del mercato è la capacità di raffinazione» e lo sblocco di ulteriori capacità di lavorazione, ha dichiarato. Negli ultimi tre anni, ha aggiunto, la capacità di raffinazione globale è diminuita di circa 4 milioni di barili al giorno, di cui più della metà, pari a 2,7 milioni di bpd, è andata persa dopo lo scoppio della pandemia di coronavirus.

Il principe ha poi affermato di non poter prevedere che tipo di decisioni l’OPEC+ potrebbe prendere in merito alle quote di produzione nel suo prossimo accordo. Il gruppo potrebbe aumentare la produzione se le condizioni del mercato globale lo giustificassero, ha detto, ma “il caos che si vede ora” è abbastanza sostanziale da rendere premature le previsioni. L’unica cosa certa, ha osservato, è che è utile che i produttori lavorino insieme per stabilizzare i mercati petroliferi mondiali.

Lucia Giannini