ARABIA SAUDITA. MBS va a Seul e firma contratti futuristici per NEOM

135

Il 17 novembre, l’Arabia Saudita ha approfittato di una visita di stato in Corea del Sud del principe ereditario Mohammed bin Salman per firmare contratti e accordi preliminari con Samsung, Hyundai Motor e altri conglomerati per investimenti nel regno desertico, tra cui l’enorme progetto di smart city Neom.

Il ministero degli Investimenti dell’Arabia Saudita ha firmato un memorandum d’intesa con Hyundai Rotem, un’unità di Hyundai Motor che si occupa di ferrovie e difesa, per cooperare nella costruzione di ferrovie per Neom, progetto di sviluppo urbano futuristico da 500 miliardi di dollari, e per sviluppare treni alimentati a idrogeno, riporta Nikkei.

Separatamente, il fondo sovrano dell’Arabia Saudita, il Public Investment Fund, si è accordato con la società di costruzioni e ingegneria Samsung C&T, parte del Gruppo Samsung, per contribuire alla costruzione delle nuove città del Regno saudita di Qiddiya e del Mar Rosso. In questi progetti Samsung C&T utilizzerà la sua tecnologia all’avanguardia di ingegneria edilizia modulare 3D.

Gli accordi sono stati annunciati dal ministero del Commercio, dell’Industria e dell’Energia della Corea del Sud.

In totale, il ministero del Commercio, dell’Industria e dell’Energia ha dichiarato che sono stati firmati 26 accordi che includono anche il conglomerato Lotte Group nel settore chimico e altre aziende in settori come quello farmaceutico, dei videogiochi e dei trasporti.

Il Ministero non ha fornito alcun valore, ma la televisione saudita Asharq ha riferito che gli accordi avevano un valore di 30 miliardi di dollari, citando il ministro degli investimenti del regno, secondo Reuters.

Tra le firme, Aramco, il gigante saudita dell’energia, ha annunciato quello che ha descritto come il suo “più grande investimento di sempre” in Corea del Sud attraverso la sua affiliata S-Oil per sviluppare un nuovo impianto petrolchimico nella città di Ulsan. In un comunicato stampa, Aramco ha dichiarato che il progetto ha un valore di 7 miliardi di dollari e dovrebbe essere completato entro il 2026.

Le dichiarazioni sono giunte mentre il principe ereditario, che ricopre anche la carica di primo Ministro ma è considerato il sovrano de facto dell’Arabia Saudita, ha avuto colloqui e pranzato con il presidente sudcoreano Yoon Suk-yeol a Seoul.

L’ufficio presidenziale sudcoreano ha dichiarato in un comunicato che il principe ereditario, nei suoi colloqui con Yoon, ha espresso interesse a cooperare con la Corea del Sud nei settori dell’energia, della difesa e delle infrastrutture. Ha inoltre mostrato interesse per lo sviluppo dell’energia all’idrogeno e per la collaborazione in materia di hardware e software per la difesa. Hanno anche parlato del Neom e di altri progetti.

La Corea del Sud ha una lunga storia di affari con l’Arabia Saudita, che risale a progetti di costruzione realizzati decenni fa. Centinaia di migliaia di sudcoreani hanno lavorato a questi e ad altri progetti in Medio Oriente negli anni ’70 e ’80, guadagnando petrodollari per le loro famiglie e valuta forte per il loro Paese.

Il ministro sudcoreano del Commercio, dell’Industria e dell’Energia Lee Chang-yang ha dichiarato in un discorso prima della firma che i due Paesi celebrano quest’anno “60 anni di legami diplomatici” e ha auspicato un’ulteriore cooperazione «basata sulla fiducia che abbiamo costruito nei settori dell’energia e delle costruzioni».

Mbs e Yoon hanno entrambi partecipato al G20 questa settimana a Bali, in Indonesia. Il primo ha in programma di partecipare al forum dei leader della Cooperazione Economica Asia-Pacifico, Apec, che si terrà in Thailandia dal 18 novembre. La Corea del Sud sarà rappresentata dal primo ministro Han Duck-soo.

Antonio Albanese

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW