ARABIA SAUDITA. Aramco denuncia un crollo degli utili nel 2020

47

L’utile netto della compagnia petrolifera statale saudita Aramco è sceso nel secondo trimestre del 73 per cento a seguito della guerra dei prezzi con la Russia e della frenata della produzione causata dalla pandemia del coronavirus. La compagnia ha annunciato che nel secondo trimestre ha registrato un utile netto di 6,6 miliardi di dollari, rispetto ai 24,7 miliardi di dollari dello stesso periodo dell’anno scorso.

Durante la prima metà del 2020, riporta Efe, Aramco ha registrato un utile netto di 23,2 miliardi di dollari, il 49,5 per cento in meno rispetto ai primi sei mesi dello scorso anno, ha detto la società in un comunicato. Il flusso di cassa da attività operative si è attestato a 12,3 miliardi di dollari nel secondo trimestre e a 34,8 miliardi di dollari nella prima metà dell’anno, mentre il flusso di cassa libero ha registrato rispettivamente 6,1 miliardi di dollari e 21,1 miliardi di dollari.

Nonostante l’impatto parziale, la compagnia petrolifera mantiene il dividendo trimestrale di 18,75 miliardi di dollari che sarà pagato nel terzo trimestre dell’anno. Aramco ha fatto il suo debutto in borsa sul Tadawul a dicembre 2019, superando le aspettative, ma la crisi petrolifera ha avuto il suo peso sul titolo.

Il rapporto operazioni/patrimonio netto era del 20,1% a fine giugno, un tasso di leva che la società attribuisce al recente acquisto di gran parte della società petrolchimica Sabic e al consolidamento dell’indebitamento netto sul bilancio di Aramco. Infine, le spese in conto capitale hanno registrato 6,2 miliardi di dollari nel secondo trimestre del 2020 e 13,6 miliardi di dollari nel primo semestre dell’anno.

Il prezzo del petrolio è sceso al minimo degli ultimi dieci anni a causa del coronavirus, mentre la guerra dei prezzi tra Arabia Saudita e Russia scoppiata a marzo ha peggiorato la situazione.

A fine aprile l’Opec+ ha deciso di ridurre la produzione di 9,7 milioni di barili al giorno. Aramco ha tagliato la produzione di altri milioni di barili al giorno a giugno.

La società saudita ha sottolineato che nel secondo trimestre l’impianto di gas di Fadhili ha raggiunto la sua massima capacità produttiva oltre all’acquisizione del 70% di Sabic per 69,1 miliardi di dollari.

Graziella Giangiulio