Cresce l’immobiliare in Arabia

52

ARABIA SAUDITA – Riad 22/05/2014. L’Arabia Saudita è uno dei mercati in più rapida crescita nel settore immobiliare.

È quanto si evince da uno studio della Arcadis, società internazionale di consulenza patrimoniale, riporta Al Arabiya.
Sulla base dei risultati della Arcadis, l’Arabia Saudita dovrebbe incrementare l’investimento del settore immobiliare del 70 per cento nei prossimi anni.
Secondo lo studio, «le attività integrate, come i collegamenti di trasporto, i centri industriali produttivi e gli immobili sia residenziali che commerciali di alta qualità contribuiscono positivamente alla performance economica dell’Arabia Saudita. La maggior parte del Pil saudita è attualmente generato attraverso le sue risorse naturali le cui rendite vengono investite per guidare la crescita economica».
Sviluppato in collaborazione con il Centre for Economics and Business Research (Cebr), l’Indice Arcadis mostra come edifici e infrastrutture contribuiscano al Pil dei paesi di tutto il mondo.
L’indice mostra, per la prima volta, come l’Arabia Saudita, a fronte di 30 paesi che rappresentano insieme l’82 per cento del Pil mondiale; ed ha rivelato che il reddito totale dell’attivo costruito all’interno di questi paesi ammonta a 27.100 miliardi di dollari, pari al 40 per cento del Pil totale. La cifra è destinata a salire a 28.100 miliardi di dollari nel 2014.
L’Arabia Saudita ha avuto rendimenti bassi nel 2013, ma è prevista una crescita significativa nei prossimi dieci anni.
Lo studio ha evidenziato il contributo dell’investimento “pesante” nel settore immobiliare del paese a sostegno del 2025 Economic Vision.
I principali programmi come il King Abdullah Economic City, la rapida espansione delle città comprese Riad e Jedda, lo sviluppo delle grandi infrastrutture ferroviarie e i nuovi sistemi di approvvigionamento e di distribuzione idrica fanno tutti parte dei piani di crescita economica sostenuta dallo stato.
«Un fattore chiave per questa attenzione alla diversificazione economica è la pressione demografica. La popolazione del paese è in rapida espansione, con il 50 per cento della popolazione attualmente che ha meno di 28 anni», si legge.
La rapida crescita della popolazione sta creando nuove esigenze di infrastrutture sociali per esigenze abitative, istruzione, sanità e servizi pubblici. Se sono soddisfatte queste richieste, il dinamismo creato dalla combinazione di crescita del capitale umano e costruzioni dovrebbe consentire al paese di ottenere migliori rendimenti in futuro.