Antidroga sul Mekong

48

CINA – Pechino 03/07/13. Droga per un valore di oltre 2,5 miliardi di yuan (400 milioni di dollari) è stata sequestrata in un’operazione antidroga multinazionale durata due mesi lungo il fiume Mekong.

Da fine aprile a fine giugno, le autorità di Cina, Laos, Myanmar e Thailandia hanno condiviso informazioni e hanno dato la caccia ai signori della droga arrestando 2.534 sospetti e sequestrando quasi 10 tonnellate di droga e più di 3,6 milioni dollari in asset connessi al traffico, secondo Liu Yuejin, direttore generale dell’Antidroga del Ministero della Pubblica Sicurezza cinese.

I quattro paesi hanno iniziato pattugliamenti di sicurezza congiunte lungo il fiume Mekong, a fine 2011, dopo i misteriosi omicidi di 13 marinai cinesi su un tratto del fiume che attraversa la regione del Triangolo d’Oro, famoso per la produzione e il traffico di droga, così come per l’estorsione. 

Liu ha detto in conferenza stampa che hanno partecipato all’operazione anche rappresentanti provenienti da Laos, Myanmar e Thailandia.

«Questo dimostra che la domanda di droga ha superato di gran lunga l’offerta. Questo perché le reti criminali hanno paura di svolgere attività di alto profilo», ha detto Liu.

Il capo dell’antidroga ha detto che dal 60 al 70 per cento della droga presente in Cina proviene dal Triangolo d’Oro, in cui la produzione di metanfetamine è in aumento, mentre quella di oppio ed eroina è stata spezzata grazie agli sforzi congiunti delle forze di polizia.  

Liu ha poi detto che, in futuro, i quattro paesi dovrebbero lavorare insieme per l’eradicazione del papavero nel Triangolo d’Oro, nel nord del Laos e nel Myanmar settentrionale e promuovere la coltivazione di colture sostitutive.