ANTIGLOBALIZZAZIONE. Ecco il nuovo mondo polarizzato tra USA Russia e Cina

318

Che il mondo sia oramai polarizzato è una realtà sotto gli occhi se non di tutti almeno della maggior parte degli studiosi. La polarizzazione è in sfere liberali e illiberali. Al di fuori della bolla dell’Occidente liberale, Cina e Russia sono in ascesa, secondo il rapporto del Centre for the Future of Democracy dell’Università di Cambridge, A World divided. Russia, China and the West.

Piuttosto che un ritorno alla divisione tra Est e Ovest della Guerra Fredda, basata su basi ideologiche, sono gli interessi commerciali a guidare la politica estera della stragrande maggioranza dei Paesi in via di sviluppo, riporta BneIntelliNews. L’Europa e gli Stati Uniti sostengono l’Ucraina contro la Russia perché considerano l’invasione dell’Ucraina da parte del presidente russo Vladimir Putin un attacco ai valori europei, ma per la maggior parte dei Paesi extraeuropei e anche europei, la guerra è irrilevante e continuano a giudicare la Russia sulla base della sua capacità commerciale.

Il 75% degli 1,2 miliardi di persone che vivono nelle democrazie liberali hanno oggi una visione negativa della Cina e l’87% ha una visione negativa della Russia. Ma il contrario è vero per i 6,3 miliardi di persone che risiedono al di fuori delle democrazie liberali, dove il 70% ha un’opinione positiva della Cina e il 66% della Russia. Sembra che l’insoddisfazione dell’opinione pubblica nei confronti delle prestazioni democratiche sia correlata alla ricettività nei confronti dei poteri autoritari.

La maggioranza dei cittadini di 7 Paesi su 10 (69%) che hanno una visione positiva della Russia sono anche insoddisfatti della performance democratica del proprio Paese. E tre quarti (73%) dei Paesi che hanno una visione positiva della Cina sono anche insoddisfatti della sua performance democratica.

La Cina è emersa come nazione leader nel mondo in via di sviluppo. Per la prima volta, nei Paesi in via di sviluppo il numero di persone che hanno un’opinione positiva della Cina è superiore a quello degli Stati Uniti, con il 61%, secondo lo studio. Questo dato è particolarmente evidente tra i 4,6 miliardi di persone che vivono nei Paesi sostenuti dalla Belt and Road Initiative, dove quasi due terzi hanno un’opinione positiva della Cina, rispetto ad appena il 27% dei Paesi non partecipanti.

Questo aumento del sostegno al Sud globale ha avuto un costo: un drammatico crollo del sostegno nei Paesi sviluppati. Nel mondo occidentale, solo il 23% dei cittadini ha un’opinione positiva della Cina, in netto contrasto con il 42% di cinque anni fa. La stessa tendenza si riscontra con la Russia, il cui sostegno da parte dei cittadini occidentali è sceso dal 39% di dieci anni fa all’attuale 12%.

La Russia ha perso la sua influenza anche tra i Paesi europei, un tempo simpatici alla Russia, tra cui la Grecia (scesa dal 69% al 30% di favorevoli), l’Ungheria (dal 45% al 25%) e l’Italia (dal 38% al 14%).

La vera influenza della Russia si trova al di fuori dell’Occidente, dove il 75% degli intervistati in Asia meridionale, il 68% nell’Africa francofona e il 62% nel Sud-est asiatico vedono il Paese con favore.

Il “blocco americano” contiene un totale di 64 Paesi, rispetto ai soli 15 del campo sino-russo. Il blocco statunitense contiene anche più persone, ma solo perché l’India, con 1,4 miliardi di persone, è stata inclusa di stretta misura nel blocco statunitense, secondo lo studio.

Escludendo l’India, che è anche un membro del blocco Brics e ha ripetutamente sostenuto la Russia nelle votazioni Onu, i due blocchi contengono un numero quasi uguale di persone, con 2,5 miliardi di persone nelle società allineate dietro l’America, 2,3 miliardi nelle società vicine a Russia e Cina, e ciascun blocco rappresenta circa il 30% dell’attuale popolazione mondiale.

«Per quanto riguarda il potere economico, tuttavia, l’alleanza americana è di gran lunga superiore», si legge nello studio. Le società allineate con gli Stati Uniti hanno un prodotto interno lordo totale di 70.000 miliardi di dollari – il doppio dei 35.000 miliardi di dollari complessivi dei Paesi che favoriscono la Russia e la Cina (…) La forza chiave dell’America è quindi la capacità di proiettare il potere attraverso democrazie alleate ad alto reddito (…) L’economia americana, con 21 trilioni di dollari, è inferiore al Pil collettivo nell’orbita di Cina e Russia, eppure i partner americani triplicano di fatto il suo peso economico e consentono di mantenere strumenti non militari come sanzioni e liste nere. Al contrario, Russia e Cina sono giganti solitari, che insieme rappresentano quasi 30mila miliardi di dollari dei 35mila miliardi di economia della loro zona».

Tra i grandi cambiamenti negli atteggiamenti verso la Russia sta quello in cui le opinioni nel mondo sviluppato e in quello in via di sviluppo si sono separate. Durante gli anni del boom fino al 2012, una stretta maggioranza di americani ed europei aveva una visione complessivamente positiva della Russia. Tuttavia, dopo l’annessione della Crimea nel 2014 e l’abbattimento dell’aereo di linea MH-17, le opinioni occidentali sulla Russia hanno iniziato a deteriorarsi rapidamente.

Al contrario, fino all’invasione dell’Ucraina nel 2022, la maggior parte delle regioni in via di sviluppo stava rapidamente diventando più favorevole alla Russia. Grandi aumenti sono stati registrati in Asia meridionale, dal 57% al 76%, nel Sud-est asiatico, dal 52% al 67% e in America Latina, dal 43% al 53%, anche in Medio Oriente il sentimento positivo è aumentato (dal 41% al 53%) nonostante l’intervento della Russia dopo il 2015 a sostegno del leader Bashar al-Assad.

In Africa, con il crollo dell’Unione Sovietica nel 1991, le ambizioni globali della Russia sono diminuite ed è diventata un attore marginale nella politica internazionale. Negli ultimi anni, tuttavia, Putin ha riconquistato parte dell’influenza russa in Africa, grazie all’annessione della Crimea e al sostegno dei governi africani, che si sono affidati a mercenari e armi russe. Di conseguenza, la Russia rimane popolare in molte parti dell’Africa, soprattutto nella regione del Sahel dell’Africa occidentale francofona e nel nord arabofono.

Tommaso Dal Passo

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/