I conti di Ankara

31

TURCHIA – Ankara 18/10/2015. Il governo turco ha registrato un deficit di 13,5 miliardi di lire turche nei primi nove mesi del 2015.

Secondo il ministro delle Finanze turco, Mehmet Simsek, riporta Anadolu il 16 ottobre, l’importo è compatibile con le stime del governo di un deficit per 2015 pari a 21 miliardi di lire turche. Simsek ha detto, in conferenza stampa ad Ankara, che il deficit di bilancio di settembre era 14,1 miliardi di lire turche, ampliato da pagamenti di interessi e pagamenti dei pensionamenti anticipato effettuati alla fine del mese. Il motivo per venire un abbassamento del stime del deficit era dovuto ad avanzi di bilancio registrati in diversi mesi di quest’anno: 1,6 miliardi di lire turche ad aprile, 2,4 miliardi a febbraio e circa 3,8 miliardi a gennaio. Secondo il ministero, le entrate di bilancio il governo turco hanno raggiunto i 354,2 miliardi di lire turche nei primi nove mesi del 2015, con un incremento del 13 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Le spese di bilancio dei primi nove mesi sono salite a 367,7 miliardi di lire turche, un aumento del 13 per cento rispetto all’anno precedente. Gli interessi passivi si sono attestati a 44,8 miliardi di lire nello stesso periodo. Le entrate pubbliche nel mese di settembre sono state di 33,8 miliardi di lire turche, con un incremento dell’11,5 per cento rispetto all’anno precedente, mentre le spese di bilancio sono state di 48 miliardi di lire turche, in crescita del 21,2 per cento rispetto all’anno precedente. Simsek prevede che le spese di bilancio per l’anno fiscale 2015 raggiungano i 503 miliardi di lire turche, mentre l’utile di bilancio sarà di 478,5 miliardi di lire turche, con un conseguente deficit di bilancio di 24,5 miliardi, un importo leggermente superiore alla stima iniziale di 21 miliardi di lire turche. Simsek prevede che la Turchia centrerà il suo obiettivo del deficit di bilancio nel 2015.