AMBIENTE. L’aria più inquinata è in Bangladesh

129

Il Pakistan è rimasto uno dei tre paesi con più smog del mondo nel 2023, dopo che Bangladesh e India hanno sostituito Ciad e Iran, con un livello di particolato circa 15 volte superiore a quello raccomandato dall’Organizzazione mondiale della sanità.

Secondo i dati pubblicati il 19 marzo, le concentrazioni medie di PM2,5, hanno raggiunto 79,9 microgrammi per metro cubo in Bangladesh nel 2023 e 73,7 microgrammi in Pakistan. L’Oms raccomanda non più di 5 microgrammi, riporta Reuters.

“A causa delle condizioni climatiche e della geografia nell’Asia meridionale, si verifica questa serie di concentrazioni di PM2,5 che salgono alle stelle perché l’inquinamento non ha nessun posto dove andare”, afferma IQAir, un’azienda svizzera per il monitoraggio dell’aria.

“Oltre a ciò ci sono fattori come le pratiche agricole, l’industria e la densità di popolazione”, ha aggiunto. “Sfortunatamente, sembra davvero che la situazione peggiorerà prima di migliorare”, prosegue.

Nel 2022, il Bangladesh è stato classificato come il quinto con la peggiore qualità dell’aria e l’India all’ottavo.

Circa il 20% delle morti premature in Bangladesh sono attribuite all’inquinamento atmosferico e i relativi costi sanitari ammontano al 4%-5% del Pil del paese, afferma la North South University di Dhaka.

Anche l’inquinamento indiano è aumentato lo scorso anno, con livelli di PM2,5 circa 11 volte superiori allo standard dell’Oms. Nuova Delhi è stata la capitale con le peggiori prestazioni, con 92,7 microgrammi.

Anche la Cina ha visto il PM2,5 aumentare del 6,3% a 32,5 microgrammi lo scorso anno, dopo cinque diminuzioni annuali consecutive.

Solo Australia, Estonia, Finlandia, Grenada, Islanda, Mauritius e Nuova Zelanda hanno soddisfatto gli standard dell’OMS nel 2023.

Il rapporto IQAir si basava sui dati di oltre 30.000 stazioni di monitoraggio in 134 paesi e regioni.

Il Ciad, il paese più inquinato del mondo nel 2022, è stato escluso dagli elenchi del 2023 a causa di problemi relativi ai dati. Anche l’Iran e il Sudan sono stati rimossi dalla lista del 2023.

Secondo l’Energy Policy Institute dell’Università di Chicago, il 39% dei paesi non dispone di un monitoraggio pubblico della qualità dell’aria.

I primi cinque paesi più inquinati nel 2023, per IQAir sono stati: Bangladesh (79,9 µg/m3) più di 15 volte superiore alla linea guida annuale PM2.5 dell’OMS; Pakistan (73,7 µg/m3) più di 14 volte superiore alla linea guida annuale PM2.5 dell’OMS; India (54,4 µg/m3) più di 10 volte superiore alla linea guida annuale PM2.5 dell’OMS; Tagikistan (49,0 µg/m3) più di 9 volte superiore alla linea guida annuale PM2.5 dell’OMS; Burkina Faso (46,6 µg/m3) più di 9 volte superiore alla linea guida annuale PM2.5 dell’Oms. 

Sette paesi hanno rispettato le linee guida annuali dell’OMS sul PM2,5 (media annuale di 5 µg/m3 o meno): Australia, Estonia, Finlandia, Grenada, Islanda, Mauritius e Nuova Zelanda.

Maddalena Ingrao

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/