AMBIENTE. Aumenta il contrabbando di HFC

25

Grandi quantità di gas refrigeranti Hfc provenienti da Cina e Turchia vengono contrabbandati illegalmente in Europa, secondo un rapporto della Environmental Investigation Agency (EIA), uscito l’8 aprile.

Gli idrofluorocarburi, Hfc, sono una gamma di sostanze chimiche utilizzate principalmente per il raffreddamento nell’industria e nella vendita al dettaglio, che non danneggiano lo strato di ozono come altri refrigeranti vietati, ma poiché sono “gas serra” possono essere diverse migliaia di volte più potenti dell’anidride carbonica, riporta Reuters

Nonostante gli impegni volti a ridurre l’uso degli HFC, le forze dell’ordine di tutta l’Unione europea stanno lottando per tenere traccia delle spedizioni illecite che entrano attraverso la Turchia, la Russia o l’Ucraina, ha affermato l’Eia.

Nell’ambito dell’emendamento di Kigali del 2016 al Protocollo di Montreal, i paesi europei e altri paesi industriali si sono impegnati a ridurre l’uso di Hfc dell’85% dal 2012 al 2036. Per realizzare l’eliminazione graduale, ai produttori e ai consumatori autorizzati di Hoc vengono assegnate quote ridotte gradualmente.

Ma con la domanda ancora forte, le riduzioni graduali hanno fatto salire i prezzi, creando incentivi per i trafficanti a rendere disponibile più offerta, mostra il rapporto, “poiché se si ha la licenza, è semplice superare la quota: è molto difficile da dimostrare”.

Un’indagine del 2021 ha suggerito che gli Hfc illegali contrabbandati in Europa potrebbero ammontare al 20-30% dei volumi scambiati legalmente, l’equivalente di un massimo di 30 milioni di tonnellate di CO2. Il nuovo rapporto non fornisce una stima rivista, m afferma che “è cambiato molto poco”.

La Cina è il più grande produttore di Hfc al mondo, con 39 produttori autorizzati a cui sono stati concessi permessi di produzione equivalenti a 185 milioni di tonnellate di CO2 quest’anno. A dicembre ha emanato nuove norme per punire le aziende che superano le proprie quote.

Anche quando sono disponibili prodotti alternativi, imporre l’eliminazione graduale dei prodotti chimici è stata una sfida importante, con alcuni governi “incapaci o non disposti a prendere provvedimenti”.

Lucia Giannini

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/