Allarme rosso per Riad

37

ARABIA SAUDITA – Riad 28/06/2014. L’Arabia Saudita è in allarme rosso a causa del peggioramento della sicurezza nel in Iraq e Yemen.

L’agenzia di stampa statale, Spa, riporta, il 26 giugno, che la preoccupazioni e di ripercussioni e di riflessi sulla sicurezza interna avevano spinto il governo saudita a prendere una simile decisione.
«Visto che organizzazioni terroristiche o simili entità potrebbero svolgere azioni per mettere a repentaglio la sicurezza della patria, il Custode delle Due Sacre Moschee ha ordinato di prendere tutte le misure necessarie per proteggere la patria e i suoi territori, oltre che a proteggere la sicurezza e la stabilità del popolo saudita». La minaccia cui si fa riferimento è quella rappresentata dallo Stato Islamico dell’Iraq e della Siria.
«L’Arabia Saudita condivide un lungo confine con l’Iraq e il governo è consapevole che Isis è molto vicina al confine iracheno con la Giordania, ed è anche consapevole che Isis ha reso pubblica la sua intenzione di attaccare l’Arabia Saudita». L’Iraq non è l’unica fonte di preoccupazione, perché Riad percepisce come minaccia molto forte anche la situazione in Yemen. Membri di Aqap, infatti, avrebbero tentato di penetrare in Arabia Saudita proprio dallo Yemen. Con gli appuntamenti sacri in arrivo a breve, il 29 giugno inizia il Ramadan, simili minacce sommo percepite come molto reali.