Ali tricolore per la sicurezza libica

33

ITALIA – Roma. 05/07/13. Ieri, vertice bilaterale a Roma tra il primo ministro Dr. Ali Zidan della Libia e il premier italiano Enrico Letta incontro in cui hanno discusso di problematiche legate ai confini, energia, cooperazione, e di come porre fine all’ondata di violenza in Libia. L’Italia, secondo il Tripoli Post si è impegnata a inviare aerei e attrezzature per garantire la sicurezza del paese.

 

Nel corso della riunione a Palazzo Chigi, il premier italiano ha detto che la stabilizzazione delle istituzioni libiche, la smilitarizzazione sue milizie, e la formazione 5.000 uomini per le forze armate e della polizia di frontiera sono l’essenza degli accordi tra Italia e Libia, aggiungendo che l’Italia sosterrà la Libia. 

Roma ha chiesto una attiva collaborazione alla Libia per arginare il numero di navi cariche e affollate di migranti, maltrattati, provenienti dall’Africa che continuano a sbarcare sulle coste della Sicilia e della vicina Calabria. E ancora un pieno rispetto dei diritti umani. Da parte sua, Zidan ha promesso che la Libia avrebbe fatto ogni sforzo per fermare la migrazione clandestina.

Letta ha confermato come è stato sottolineato durante il G8 in Irlanda del Nord, alla fine di giugno, che la stabilizzazione delle istituzioni libiche è nell’interesse di Italia e del Mediterraneo nel suo complesso.

«La fine di tutti i tipi di violenza, in particolare contro i civili, è il presupposto per il nostro lavoro di cooperazione per sviluppare e raggiungere risultati positivi», ha aggiunto Letta. Italia e Libia discuteranno i dettagli di tale accordo di cooperazione e aiuto in quello che sarà un convegno “molto importante” che si terrà entro la fine dell’anno.

«Possiamo fidarci l’un l’altro e fare un ottimo lavoro insieme e questo è esattamente quello che faremo», ha proseguito. «Siamo partner economici strategici» e entrambi vogliamo «far ripartire la crescita e raggiungere risultati importanti».

Tra i punti all’ordine del giorno vi era anche il settore energetico. Letta e Zidan hanno discusso insieme con il numero uno dell’ENI, Paolo Scaroni. 

Il premier italiano ha anche annunciato che si svolgerà un G8 tecnico lunedì prossimo 8 luglio, e che lui ha accettato un invito a visitare Tripoli presto.