ALGERIA. Tinduf: l’esercito algerino denunciato per l’uccisione dei minatori saharawi

71
Screenshot

L’associazione Saharawi contro l’impunità nei campi di Tindouf (ASIMCAT) ha denunciato l’esercito algerino per l’uccisione dei minatori d’oro vicino ai campi di Tindouf, in Algeria, avvenuta il 28 maggio con l’uso di droni.

È quanto riportato dal comunicato diffuso a Madrid dall’associazione nel quale “ritiene il governo algerino pienamente responsabile di queste gravi violazioni dei diritti umani ”.

L’incidente ha suscitato indignazione e, secondo il Forum degli Autonomi di Tindouf (FORSATIN), un drone algerino ha preso di mira un’auto civile che trasportava sahrawi disarmati vicino ai campi di Tindouf, provocando la morte di tre persone.

“La pressione sui Saharawi si è intensificata negli ultimi anni, colpendo duramente i residenti nei campi”, ha dichiarato FORSATIN, sottolineando “le severe restrizioni imposte sia dal regime algerino che dal gruppo separatista del Fronte Polisario”.  Ai Saharawi è vietato lasciare i campi senza permesso, aggravando la loro situazione già precaria, spiega l’associazione, che sottolinea che non si tratta di un episodio isolato.

Appena un mese prima, altri tre minatori d’oro sahrawi avevano subito lo stesso destino, quando militari algerini hanno aperto il fuoco dopo un lungo inseguimento, spiega l’associazione. Nell’ottobre 2020, altri due minatori sahrawi sono stati bruciati vivi dai soldati algerini in una fossa che stavano scavando in ricerca di oro. Negli ultimi dieci anni sono stati registrati più di dieci casi documentati di uccisioni.

“Il deliberato attacco e l’uccisione di civili sahrawi, compresi i cercatori d’oro, costituisce una chiara violazione di questi diritti fondamentali e una violazione vergognosa degli impegni internazionali dell’Algeria”, spiega la dichiarazione.

La situazione nei campi di Tindouf è stata più volte segnalata come grave dalle Nazioni Unite, con il segretario generale Antonio Guterres che ha avvertito di un “ulteriore deterioramento della situazione umanitaria” nel suo rapporto annuale sul Sahara occidentale.

Problemi come la scarsità d’acqua, la penuria di cibo, la malnutrizione e condizioni meteorologiche estreme, aggravati dal degrado ambientale e da alloggi inadeguati, continuano ad affliggere la popolazione sahrawi.

Inoltre, i rapporti hanno rivelato la militarizzazione dei giovani nei campi, con accuse di violazioni umanitarie contro i bambini saharawi da parte sia del Fronte Polisario che dell’Algeria.

Nel comunicato l’associazione saharawi ha chiesto un’ulteriore indagine. “Chiediamo un’indagine approfondita e imparziale su questi incidenti, per consegnare i responsabili alla giustizia”, spiega ASIMCAT.

“Esortiamo l’Algeria a prendere misure immediate per prevenire ulteriori violenze e per garantire che i diritti e la sicurezza di tutti gli individui, compresi i Saharawi, siano rispettati e protetti”, conclude la dichiarazione.

Portare più intelligenza artificiale su iPhone probabilmente solleverà problemi di privacy, un argomento su cui Apple ha fatto di tutto per assicurare ai suoi clienti fedeli che ci si può fidare di non volersi “impicciare” troppo in profondità nelle loro vite personali.

Redazione

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/