ALGERIA. Dopo l’elezione di Taboun a presidente, che fine faranno le manifestazioni?

123

Dieci mesi dopo lo scoppio del movimento popolare, l’Algeria ha scelto un nuovo presidente, dove il paese è entrato in una nuova fase tra continue proteste e un cauto ottimismo da parte del popolo algerino. 

Venerdì scorso, la Commissione elettorale algerina ha annunciato che l’ex primo Ministro Abdel Majid Taboun ha vinto le elezioni presidenziali tenute giovedì, con il 58% dei voti. La commissione ha indicato che la percentuale di partecipazione al voto presidenziale ha raggiunto il 41,14%. Taboun ha confermato nella sua prima conferenza stampa dopo aver annunciato la sua vittoria, che non ci sarà esclusione per nessun partito politico nel prossimo periodo, sottolineando l’importanza di includere i giovani nel processo politico ed economico.

«Tendo le mani al movimento per un dialogo serio che serve solo gli interessi dell’Algeria», ha aggiunto Taboun elogiando il ruolo dell’esercito algerino nel fornire protezione al movimento popolare iniziato dallo scorso febbraio. Taboun, 74 anni, è nato ad Al-Mashriyah, nel Wilayat di Naama, si è laureato presso la Scuola Nazionale di Economia e Finanza, è sposato e ha cinque figli. Ha ricoperto numerosi incarichi di prestigio, l’ultimo dei quali è stato primo Ministro del governo, quando il defunto Bouteflika lo nominò a maggio 2017, succedendo a Abdel Malek Sallal. È per questo che i manifestanti algerini lo trattano come un’estensione del regime precedente.

Anche, Taboun ha scelto per la sua campagna uno slogan centrale, “Siamo impegnati e in grado di cambiare”, che include 54 impegni. Taboun ha affermato che «mira a stabilire una nuova repubblica». Tali obblighi riguardano una revisione globale della costituzione e una revisione della legge elettorale, la liberalizzazione della società civile e lo sviluppo di nuove misure per garantire l’integrità dei dipendenti che lavorano nei dipartimenti pubblici e governativi. 

Pur sottolineando che le attuali elezioni rafforzano la vita democratica e un futuro migliore per l’Algeria, alcuni partiti interni si oppongono in primo luogo alle elezioni, a causa della presenza di cinque candidati che erano direttamente collegati al regime Bouteflika e li considerano una sua estensione.

Dopo l’annuncio dei risultati elettorali, migliaia di persone sono scese in piazza, cantando “No al voto” ed estremizzando il rifiuto del nuovo presidente algerino.

Molti descrivono Taboun come un «uomo del regime, un candidato per il potere e l’esercito», soprattutto da quando era solo due anni fa primo Ministro durante l’era Bouteflika, e sostenne tutte le sue politiche e dichiarò il suo sostegno per Bouteflika per candidarsi per un quinto mandato presidenziale alle elezioni previste per aprile, prima che fosse costretto a ritirare la candidatura sotto la pressione delle manifestazioni popolari. 

Inoltre, il figlio di Taboun è uno degli arrestati nel processo di epurazione che seguì la caduta di Bouteflika e ora è in attesa di processo; Taboun stesso è stato visto durante i suoi anni come ministro del governo Bouteflika come un tecnocrate.

Ma finiranno le manifestazioni algerine? 

Stando a Reuters , le autorità sperano che l’elezione di un nuovo presidente porrà fine ai disordini che sono continuati per diversi mesi da quando Bouteflika è stato rovesciato, ad aprile, dopo 20 anni di mandato, quando l’esercito ha ritirato il suo sostegno proprio a seguito delle manifestazioni di massa.

Ma i manifestanti respingono le elezioni nel loro insieme e le considerano un inganno da parte di poteri occulti sostenuti dall’esercito per reprimere l’insurrezione che dura da mesi e ripristinare il vecchio sistema politico.

I manifestanti si sono riuniti, venerdì per il quarantatreesimo giorno consecutivo nella capitale, cantando “Dio è grande, le elezioni sono truccate” e “Dio è grande, non abbiamo votato e il tuo presidente non ci giudicherà”. Mentre alcuni portavano striscioni che dicevano: “Taboun, il tuo mandato è nato morto” e “Il tuo presidente non mi rappresenta”, e “Peggio di Bouteflika”. 

Da parte sua, lo scrittore e analista politico algerino Badr Aldin Zouqa ha affermato che la vittoria dell’ex primo Ministro Abdel Majid Taboun è stata una sorpresa per il movimento e il popolo algerino. Zouqa ha aggiunto, in un’intervista a Radio Sputnik: «Ma il seguace della realtà politica considera la sua vittoria naturale perché il movimento ha diviso la sua identità e i partiti tradizionali sono stati dispersi. Pertanto, Taboun, con la sua intelligenza, è stato in grado di beneficiare di tutte queste contraddizioni presenti nel movimento e nella classe politica (…) I giovani del movimento lo vedono come un’estensione dell’autorità precedente, ma molte élite credono che non sia un residuo del regime precedente, perché è il primo ad aprire i file della corruzione (…) Dopo aver discusso di questo fascicolo, è stato immediatamente espulso dalla sua posizione, è chiaro che c’è disaccordo sulla sua appartenenza politica e su questo stato di contraddizione, che l’Algeria sta vivendo in modo grandioso», ha continuato Zouqa. 

Marwa Mohammed
Corrispondente dal Cairo