AFRICA. Si prepara il secondo vertice Russia-Africa. Trionfo di Putin l’Africano

122

La Russia si sta preparando per il secondo vertice Russia-Africa, previsto per ottobre-novembre 2022 ad Addis Abeba, in Etiopia, e sta intensificando la sua campagna di avvicinamento ai Paesi africani e di allontanamento dall’Occidente a causa delle sanzioni imposte da quest’ultimo dopo l’inizio della guerra in Ucraina.

La Russia aveva già investito molto in Africa nell’ambito della politica del presidente Vladimir Putin di favorire i legami con i Paesi non allineati del mondo in via di sviluppo da quando le relazioni con l’Occidente si sono inasprite in seguito all’annessione della Crimea da parte della Russia nel 2014, riporta BneIntellinews. Ma la necessità di sviluppare profondi legami commerciali e di investimento in Africa ha assunto una nuova urgenza da quando, quest’anno, l’Occidente ha interrotto quasi tutti i legami commerciali con la Russia.

Il miglioramento delle relazioni con l’Africa è importante dal punto di vista commerciale, in quanto la Russia inizia a cercare nuovi clienti per l’acquisto di energia, grano e altre materie prime. Ma c’è anche un’importante dimensione politica: Putin cerca di minare l’egemonia statunitense e di ottenere il riconoscimento internazionale del suo regime. Con l’offerta ricca di prodotti di base e di tecnologia in alcuni settori come l’energia nucleare, molti Paesi africani sono disposti a collaborare.

I dettagli del vertice saranno decisi nei colloqui tra l’Unione Africana, ha dichiarato la Presidente del Consiglio della Federazione Russa, Valentina Matviyenko, durante un incontro con la Presidente dell’Assemblea del Mozambico, Esperanca Bias, in visita ufficiale a Maputo dal 30 maggio al 1° giugno.

Il vertice Russia-Africa è stato un’importante piattaforma per promuovere gli interessi russi nel continente e i leader di 48 dei 54 Paesi africani hanno partecipato al primo vertice tenutosi nella città russa di Sochi nell’ottobre 2019. È stato copresieduto dai presidenti di Russia ed Egitto, Vladimir Putin e Abdul Fattah al-Sisi. L’Egitto è un partner chiave della Russia in Nord Africa, che importa l’80% del suo grano dalla Russia e dall’Ucraina.

L’evento avrebbe dovuto tenersi ogni anno, ma è stato rinviato a seguito dello scoppio della pandemia di coronavirus (COVID-19) nel 2020. Ora è di nuovo in programma per il prossimo autunno.

Il vertice di quest’anno sarà ancora più importante perché la Russia è alla ricerca di nuovi mercati e di espandere quelli esistenti dopo che l’Occidente ha imposto sanzioni estreme alla Russia in seguito all’invasione dell’Ucraina alla fine di febbraio. Da parte sua, l’Africa è desiderosa di mantenere relazioni, poiché molti Paesi del continente dipendono dalle importazioni di grano russo. Il capo dell’Ua, il presidente senegalese Macky Sall, ha incontrato Putin a Sochi il 3 giugno nel tentativo di compensare l’imminente crisi alimentare dovuta alla guerra in Ucraina e di garantire le importazioni di grano per i suoi membri. Sall ha anche sottolineato che la decisione di espellere le banche russe dal sistema di messaggistica finanziaria Swift potrebbe danneggiare le forniture alimentari al continente.

Le nazioni africane sono state tra i più fedeli sostenitori della Russia dall’inizio del conflitto in Ucraina. In una votazione delle Nazioni Unite per condannare l’invasione russa, circa la metà dei Paesi africani ha scelto di astenersi dal condannare la Russia, cercando di mantenere buone relazioni con l’Occidente, ma segnalando a Mosca di vedere ancora la Russia come un partner importante.

È stato istituito un consiglio di coordinamento sotto l’egida del Segretariato del Forum di partenariato Russia-Africa. Secondo Sergei Lavrov, Ministro degli Esteri russo, “proposte concrete per consolidare la cooperazione russo-africana vengono elaborate da tre consigli (di coordinamento, pubblico e scientifico) che fanno capo al Segretariato del Forum di partenariato. Essi rappresentano ministeri, agenzie, imprese e organizzazioni pubbliche impegnate nello sviluppo delle relazioni con il continente africano».

«Mosca è pronta a costruire relazioni di partenariato strategico con organizzazioni panafricane e associazioni di integrazione regionale», ha aggiunto Lavrov, secondo cui i due obiettivi più importanti del vertice saranno la firma di un “memorandum d’intesa tra il governo della Federazione Russa e l’Unione Africana sui principi fondamentali delle relazioni e della cooperazione” e di un “memorandum d’intesa tra la Commissione economica eurasiatica e l’Unione Africana sulla cooperazione economica”.

La Russia spera di estendere la portata dell’UEE fino all’Africa, coordinandosi più strettamente con l’Ua. In occasione del prossimo vertice, Lavrov ha dichiarato che verrà messa a punto una tabella di marcia per questa cooperazione in collaborazione con la Comunità di sviluppo dell’Africa australe. I progressi nella creazione di un’area di libero scambio Nord-Sud tra l’Uee e l’Ua hanno già compiuto un primo passo concreto dopo l’entrata in vigore, il 1° gennaio di quest’anno, dell’Accordo di libero scambio continentale africano, Afcfta.

L’Afcfta riduce a zero il 95% di tutte le precedenti tariffe intra-africane imposte al commercio transfrontaliero. Solo l’Eritrea non ha ancora aderito all’accordo. Con l’eliminazione delle precedenti tariffe doganali, l’approvvigionamento dei prodotti africani può ora avvenire su base continentale, ampliando così in modo esponenziale il potenziale di sviluppo della catena di approvvigionamento africana.

Il regime di libero scambio in Africa consentirà inoltre alle Zone Economiche Speciali di importare macchinari e parti per la produzione di prodotti africani, che possono essere venduti sul mercato regionale o riesportati in mercati come la Russia, esenti da dazi.

L’importanza del prossimo vertice è stata rafforzata dal boom degli scambi commerciali tra la Russia e l’Africa, che quest’anno hanno registrato un’impennata.

Il Nord Africa domina attualmente il commercio russo, guidato da Egitto, 4,53 miliardi di dollari, Algeria, 3 miliardi di dollari, e Marocco ,1,2 miliardi di dollari, con il Sudafrica quarto con 1 miliardo di dollari, riporta la Tass. Inoltre, in quasi tutti i Paesi africani il commercio e gli investimenti russi sono in aumento.

La Russia sta creando un portale di commercio elettronico da 5 miliardi di dollari con i Paesi africani, ha puntato sulla Nigeria come mercato in crescita e ha una base navale a Port Sudan.

L’Uee firmerà un accordo commerciale agricolo con l’Ua e si prevede che l’Egitto firmi un accordo di libero scambio con l’Uee durante il vertice. La Russia è fortemente coinvolta nell’industria africana del petrolio e del gas, ma ha anche investito nelle infrastrutture, fornendo attrezzature ferroviarie all’Egitto e sviluppando strutture produttive su base continentale.

Luigi Medici