AFRICA. Si combatte Covid19 alla luce dell’esperienza di Ebola

58

Il coronavirus che sta devastando l’Europa è comparso in 27 dei 49 paesi dell’Africa subsahariana. Nella maggior parte dei casi registrati sono ancora in cifre singole e provengono dall’estero, in particolare dall’Europa. Se la malattia raggiungesse le zone più povere dell’Africa, le condizioni in cui si trova l’area potrebbero rendere la sua diffusione molto veloce. 

Il Camerun ha deciso di chiudere a tempo indeterminato le sue frontiere terrestri, aeree e marittime, un passo insolito in un continente in cui l’Organizzazione Mondiale della Sanità teme che frontiere porose possano far sì che i movimenti possano continuare incontrollati.

Come riporta Reuters, i paesi che non hanno registrato alcun caso sono passati all’azione. Il governo del Mali ha sospeso i voli commerciali dai paesi con il virus, mentre il Niger sta bloccando i voli internazionali e chiudendo le frontiere terrestri per due settimane a partire dal 19 marzo, ha detto il presidente Mahamadou Issoufou in un comunicato.

Gli ospedali in tutta l’Africa sono sovraccarichi di morbillo, malaria e altre malattie infettive mortali e conflitti, e centinaia di migliaia di persone sono sfollate e le infrastrutture distrutte. Chiedere ai pazienti di autoquarantinarsi a casa non è pratico in molte aree, dove le famiglie si ammassano in una stanza singola, condividono un rubinetto o hanno un bagno in comune e sopravvivono con il lavoro quotidiano.

La promozione di una buona igiene è una parte fondamentale dello sforzo contro il Covid19; ma secondo un’indagine delle Nazioni Unite del 2017, meno della metà della popolazione di 34 Paesi africani dispone di impianti di base per il lavaggio delle mani nelle proprie case.

Nel Sud Sudan, devastato da una guerra civile durata cinque anni, il governo ha 24 letti di isolamento, l’ufficio responsabile dell’epidemia Covid19 al ministero della Salute. Ha detto che i funzionari pubblici stanno incoraggiando il lavaggio delle mani, ma molti non possono permettersi il sapone e non hanno acqua corrente.

Il ministero della salute del Burkina Faso, sotto assedio di gruppi jihadisti legati allo Stato islamico e ad al Qaeda, ha detto di non disporre di risorse per affrontare l’epidemia. I suoi valichi di frontiera non hanno siti di isolamento per i casi sospetti e il paese non ha abbastanza operatori sanitari qualificati. Il 18 marzo si è registrato il primo caso mortale di Covid19.

L’Ebola ha ucciso più di 11mila persone in Africa occidentale tra il 2013 e il 2016, soprattutto in Guinea, Liberia e Sierra Leone. Ha devastato le comunità, ma ha fornito lezioni preziose. Il Cdc Africa, istituito dall’Unione Africana nel 2017, lavora con l’Oms per rafforzare il coordinamento delle emergenze, migliorare i test e la sorveglianza e attrezzare i centri di trattamento.

Il numero di Paesi con laboratori in grado di diagnosticare il Covid19 nella regione africana dell’Oms è passato da due a 39 in un mese. Rimangono quindi otto paesi senza presidio.

Con tre casi confermati, la Nigeria, la nazione più popolosa dell’Africa, si sta affannando ad aumentare il numero di letti di isolamento e a fornire formazione medica specializzata e attrezzature negli ospedali statali.

Lucia Giannini