AFRICA. Nel sottosuolo c’è acqua per affrontare 50 anni di siccità

218

C’è abbastanza acqua freatica nel continente africano per fornire a tutti acqua potabile per affrontare almeno cinque anni di siccità, e in alcuni casi fino a 50 anni. Questo secondo una nuova analisi fatta dal British Geological Survey e WaterAid, presentata mei giorni scorsi al World Water Forum di Dakar.

Il British Geological Survey e WaterAid dopo un’indagine decennale ha scoperto che in tutta l’Africa ci sono abbastanza riserve d’acqua sotterranea per servire l’intera popolazione. Anche in luoghi aridi, ci possono essere acque sotterranee adeguate.

Questo vale ad esempio per Turkana, Kenya, una delle regioni più aride dell’Africa, è uno dei luoghi più colpiti del continente, secondo il Famine Early Warning System. Il ministro dell’Acqua del Turkana, Vincent Palor, conferma che la situazione è terribile: «Le fonti d’acqua si stanno prosciugando perché la falda si è abbassata. Le condizioni del bestiame sono pessime», ha detto Palor «Quando guardiamo anche la copertura vegetale, la copertura vegetale non è piacevole perché si sta seccando».

Ma anche in Turkana, sembra esserci acqua nel sottosuolo. Secondo un rapporto del 2013 Turkana ha abbastanza acqua freatica per servire il Kenya per 70 anni. Tuttavia, un sondaggio del governo ha dimostrato che l’acqua è troppo salata e quindi sono necessari investimenti per ottenere acqua utilizzabile.

Il recente rapporto è stato presentato poiché le acque sotterranee sono cruciali viste le diffuse siccità causate dal cambiamento climatico.

Il ministro di Turkana Vincent Palor è contento della rinnovata attenzione sull’esplorazione delle acque sotterranee, poiché è preoccupato che la continua scarsità d’acqua possa esacerbare la situazione, creando lotte per l’acqua, e scontri tra sedentari e nomadi-pastori; scontri che già avvengono in altre zone dell’Africa ma che in questo modo rischiano di essere ulteriormente esacerbati.

Un’altra recente indagine del Bgs indica poi che l’80% dell’acqua sotterranea è probabilmente utilizzabile per l’uso potabile.

Lucia Giannini