AFRICA. La corte spietata al Continente Nero di Russia e Stati Uniti

115

Tutti corteggiano l’Africa. Il nuovo ministro degli Esteri cinese Qin Gang ha iniziato presto, visitando Etiopia, Gabon, Angola, Benin ed Egitto la scorsa settimana. Il Segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen è in visita in Senegal, Zambia e Sudafrica.

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov è in visita in Sudafrica, all’inizio del suo secondo tour africano da quando la Russia ha iniziato le ostilità in Ucraina nel febbraio 2022. Nel suo viaggio del luglio 2022, Lavrov ha visitato l’Egitto, il Congo-Brazzaville, l’Uganda e l’Etiopia, incontrando anche la leadership dell’Unione Africana ad Addis Abeba, riporta Defence Web.

I viaggi di Qin e Lavrov potrebbero essere visti come una risposta al vertice sull’Africa organizzato dal Presidente degli Stati Uniti Joe Biden a dicembre.

Dopo il Sudafrica, Lavrov dovrebbe andare in Eswatini, Botswana e Angola, tornando poi in Nord Africa a febbraio per visitare Tunisia, Mauritania, Algeria e Marocco. Si tratta di 12 Paesi più l’Ua in poco più di sei mesi, è una offensiva diplomatica sull’Africa in grande stile.

Nella sua conferenza stampa a Mosca il 18 gennaio, Lavrov non ha menzionato un tour africano, se non stimolato alla fine da una dimanda sulle possibili conseguenze per le nazioni africane di una legge americana del 2022 (Countering Malign Russian Activities in Africa) che avrebbe finito col danneggiare attraverso sanzioni gli stessi paesi africani. Tale legge imporrebbe sanzioni a entità russe, come la Pmc Wagner, ritenute responsabili di attività “maligne” nel Continente. Potrebbe anche portare a sanzioni statunitensi contro i governi e le imprese africane che trattano con tali entità russe.

È notevole l’influenza negativa che la legge sta avendo sulle relazioni dell’America con l’Africa.

Il disegno di legge si inserisce direttamente nella narrazione della Russia e di Lavrov sul presunto atteggiamento paternalistico dell’America nei confronti dell’Africa. “Questo è il paradigma coloniale per eccellenza”, ha detto Lavrov; ha ricordato come il segretario di Stato americano dell’ex presidente Donald Trump, Mike Pompeo, abbia detto agli Stati africani, nel febbraio 2020, che avrebbero dovuto smettere di commerciare con la Russia e la Cina perché questi due Paesi stavano servendo i propri interessi e danneggiando quelli dell’Africa.

Lavrov ha poi rivelato che gran parte del secondo vertice Russia-Africa, che il suo governo ospiterà a San Pietroburgo alla fine di luglio del 2023, sarà dedicato alla ricerca di modi per la Russia e l’Africa di aggirare le sanzioni statunitensi. «Stiamo preparando documenti sulla messa a punto dei nostri meccanismi di interazione in base alle nuove condizioni che comportano sanzioni», ha dichiarato. Ciò comporterebbe l’adeguamento degli investimenti, degli strumenti commerciali e delle catene di approvvigionamento.

Soprattutto, ha detto Lavrov, «stiamo passando ai regolamenti nelle valute nazionali», anziché nel dollaro. «Questi cambiamenti non avverranno da un giorno all’altro, ma sono in corso».

Qualcosa di simile è già in corso nei Brics, Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica. Il blocco ha già iniziato a concedere prestiti dalla sua Nuova Banca di Sviluppo e a condurre gli scambi commerciali nelle proprie valute anziché nel biglietto verde.

Questo progetto potrebbe diventare quindi di portata africana e Putin potrebbe utilizzare il vertice Russia-Africa 2023 per offrire una simile soluzione alternativa a tutto il Continente Nero.

Tommaso Dal Passo

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/