AFGHANISTAN. Le ragazze sono tornate a scuola

197

I talebani hanno permesso alle ragazze in Afghanistan di tornare in classe all’apertura delle scuole superiori aprirann, dopo mesi di incertezza sul fatto che l’Emirato avrebbe permesso il pieno accesso all’istruzione per le ragazze e le donne. «Tutte le scuole saranno aperte a tutti i ragazzi e le ragazze», ha detto Aziz Ahmad Rayan, un portavoce del ministero dell’Istruzione, ripreso da Reuters.

«Ma ci sono alcune condizioni per le ragazze», aveva detto, aggiungendo che le studentesse saranno istruite separatamente dai maschi e solo da insegnanti donne. In alcune aree rurali dove c’è una carenza di insegnanti donne, ha detto che gli insegnanti maschi più anziani saranno autorizzati a insegnare alle ragazze. «Non c’è nessuna scuola che chiuderà per quest’anno. Se c’è qualche scuola che chiude, è responsabilità del ministero dell’istruzione aprirla», aveva aggiunto Rayan.

Permettere alle ragazze e alle donne di entrare nelle scuole e nei college è stata una delle richieste chiave che la comunità internazionale ha fatto al movimento islamista da quando ha rovesciato il governo sostenuto dall’Occidente lo scorso agosto. La maggior parte dei paesi ha finora rifiutato di riconoscere formalmente i Talebani, tra le preoccupazioni per il loro trattamento di ragazze e donne e le accuse di abusi dei diritti umani contro ex soldati e funzionari dell’amministrazione filo occidentale.

I Talebani hanno giurato di indagare sui presunti abusi e dicono che non stanno cercando vendetta sui loro ex nemici. L’ultima volta che il gruppo ha governato l’Afghanistan, dal 1996 al 2001, ha vietato l’istruzione femminile e la maggior parte del lavoro. Dalla riconquista del potere, i ragazzi e gli uomini sono tornati all’istruzione in numero molto maggiore rispetto alle ragazze e alle donne.

I Talebani dicono di rispettare i diritti delle donne secondo la legge islamica e le usanze locali. Ma molte donne hanno riferito di restrizioni nell’accesso alla vita pubblica, incluso il lavoro, costringendo alcune ad abbandonare l’impiego.

Maddalena Ingroia