AFGHANISTAN. Kabul si rivolge a Mosca per il dopo ritiro USA

163

Il Consigliere per la sicurezza nazionale dell’Afghanistan, Nsa, Hamdullah Mohib ha tenuto colloqui con il segretario del Consiglio di sicurezza, Scs, della Federazione Russa, Nikolai Patrushev a Mosca e ha discusso la situazione della sicurezza alla luce del ritiro delle truppe Nato dall’Afghanistan.

«Nikolai Patrushev e Hamdullah Mohib si sono concentrati sulla situazione della sicurezza in Afghanistan alla luce del ritiro dei contingenti militari occidentali e l’escalation della situazione militare e politica nel nord della Repubblica islamica dell’Iran», si legge in un comunicato del Consiglio di sicurezza russo, ripreso da Sputnik.

Mohib e Patrushev hanno anche discusso le prospettive per aumentare la cooperazione in materia di pace, sicurezza contro il terrorismo e contro il narcotraffico tra i due governi, comprese le consultazioni interministeriali, ha detto l’Ufficio del Consiglio di Sicurezza Nazionale dell’Afghanistan in una dichiarazione ripresa da Ani News.

Mohib e Patrushev hanno concordato che gli sforzi per diffondere l’insicurezza nel nord minacciano gli interessi dell’Afghanistan, della Russia e degli stati dell’Asia centrale. Le due parti hanno anche sottolineato l’urgente necessità di un cessate il fuoco e di negoziati per porre fine al conflitto e garantire un Afghanistan indipendente, sovrano e rappresentativo.

I due hanno rafforzato il loro desiderio di lavorare congiuntamente con le controparti regionali a sostegno degli obiettivi di sicurezza condivisi. L’Afghanistan sta assistendo a un’impennata di violenza, poiché i talebani hanno intensificato la loro offensiva contro i civili e le forze di difesa e sicurezza afgane. Questo avviene mentre le forze straniere si stanno ritirando dal paese devastato dalla guerra.

Poiché i Talebani hanno preso il controllo di diversi distretti in tutto il paese, le valutazioni dell’intelligence statunitense hanno suggerito che il governo del paese potrebbe cadere in mano al gruppo terroristico entro pochi mesi dal ritiro delle forze americane.

Il comandante delle forze Usa in Afghanistan, Austin Miller, ha avvertito che il peggioramento della violenza potrebbe portare a una guerra civile. I funzionari statunitensi si aspettano che l’intero ritiro delle loro forze dal paese sarà completato in meno di una settimana entro la festa nazionale del 4 luglio, ha riferito il New York Times.

Mentre gli scontri mortali in Afghanistan continuano a intensificarsi, centinaia di altri civili hanno preso le armi contro i talebani a sostegno delle forze governative in diverse province afghane.

Lucia Giannini