AFGHANISTAN. Dietrofront dei Talebani: scuole chiuse alle ragazze

131

I talebani mercoledì hanno fatto marcia indietro sul loro annuncio che le scuole superiori sarebbero state aperte per le ragazze, dicendo che sarebbero rimaste chiuse, fino a quando non fosse stato elaborato un piano secondo la legge islamica per la loro riapertura.

Il dietrofront ha colto molti di sorpresa, lasciando gli studenti in lacrime e attirando la condanna delle agenzie umanitarie, dei gruppi per i diritti e dei diplomatici in un momento in cui l’amministrazione talebana sta cercando il riconoscimento internazionale.

Secondo Reuters, Insegnanti e studenti di tre scuole superiori intorno alla capitale Kabul hanno detto che le ragazze erano tornate negli istituti mercoledì mattina, ma è stato ordinato loro di andare a casa; hanno detto anche che molte studentesse se ne sono andate in lacrime.

L’ultima volta che i talebani hanno governato l’Afghanistan, dal 1996 al 2001, hanno vietato l’istruzione femminile e chiuso per loro la possibilità di lavorare. La comunità internazionale ha fatto dell’istruzione delle ragazze una richiesta chiave per qualsiasi futuro riconoscimento dell’amministrazione talebana, che ha preso il controllo del paese in agosto, quando le forze straniere si sono ritirate.

Il ministero dell’Istruzione aveva annunciato la settimana scorsa che le scuole per tutti gli studenti, comprese le ragazze, avrebbero aperto mercoledì in tutto il paese, dopo mesi di restrizioni all’istruzione per le ragazze in età da scuola superiore.

Martedì sera un portavoce del ministero dell’Istruzione ha diffuso un video in cui si congratulava con tutti gli studenti per il loro ritorno in classe. Tuttavia, mercoledì, un avviso del ministero dell’Istruzione ha detto che le scuole per le ragazze sarebbero state chiuse fino a quando un piano è stato elaborato in conformità con la legge islamica e la cultura afgana, secondo Bakhtar News.

Suhail Shaheen, rappresentante dei Talebani con sede a Doha, ha detto che l’apertura posticipata delle scuole femminili era dovuta a un problema tecnico e che il ministero dell’istruzione stava lavorando su uniformi standardizzate per gli studenti di tutto il paese: «Speriamo che la questione dell’uniforme sia risolta e finalizzata il più presto possibile», ha detto.

I media di Kabul hanno trasmesso filmati di ragazze che tenevano una protesta a Kabul. Molti nella comunità internazionale hanno condannato la decisione con l’inviato speciale dell’Onu per l’Afghanistan che ha formalmente trasmesso la “grave preoccupazione e delusione” dell’organizzazione ai funzionari talebani, secondo una dichiarazione dell’Onu.

I Talebani stanno cercando di gestire il paese secondo la loro interpretazione della legge islamica, mentre allo stesso tempo hanno accesso a miliardi di dollari di aiuti di cui hanno disperatamente bisogno per evitare la povertà diffusa.

Lucia Giannini