Investitore privato per l’acqua in Ruanda

33

RUANDA – Kigali. 30/5/13. La carenza d’acqua in Kigali e nei distretti circostanti ha costretto il governo a cercare un investitore privato per evitare una crisi idrica.

La popolazione della città è cresciuta e le società che gestiscono acqua e elettricità non hanno i soldi implementare i servizi del settore.

 

L’acqua attualmente viene pompata dal fiume Mukungwa, che alimenta il Twin Lakes Bulera e Ruhondo, Ntare Karitanyi, ha spiegato il direttore generale di EWSA.

Secondo i tecnici EWSA, Musanze e Nyabihu, sono i distretti che avrebbero le risorse idriche sufficienti per soddisfare le esigenze idriche di Kigali nel lungo termine.
Inoltre, la sua distribuzione offre anche opportunità per la generazione di energia idroelettrica. Ma il progetto, pensato dal governo, mira anche a ricucire i cattivi rapporti che si erano creati tra ambientalisti e EWSA per l’offerta pubblica d’acquisto sull’acqua sorgente dai vicini laghi. Gli esperti hanno avvertito che una tale mossa potrebbe far precipitare il paese in una catastrofe ambientale.

Il progetto di approvvigionamento idrico Mutobo, secondo quanto riferito da fonti governative, prevede un partenariato pubblico-privato (PPP), al completamento si prevede che più di due milioni di persone nei distretti di Kicukiro, Gasabo, Nyarugenge, Muhanga e Bugesera potranno avere acqua potabile.
«Il progetto è strutturato come un BOT compresa la progettazione e la finanza rinegoziabili a 25 anni, periodo di concessione e una alla base Acqua Purchase Agreement (WPA) con EWSA come contratto firmato e off-taker», si legge in una dichiarazione firmata dal signor Karitanyi.

il BOT significa che l’investitore dovrà usare i suoi soldi per costruire l’impianto idrico, farlo funzionare per 25 anni per recuperare l’investimento e poi trasferirlo al governo.