Jeddah: quartieri senza acqua

53

ARABIA SAUDITA – Jeddah. 05/0/5/15. Jeddah senza acqua. A dirlo sono gli tessi cittadini che lamentano che la fornitura di acqua nelle loro case è stata ridotta, mentre in altre abitazioni non arriva da settimane. Alcune famiglie a sud e a est di Jeddah lamentato che l’acqua manca da 20 giorni. Fonte Al-Arabiya.

I punti di distribuzione dell’acqua, dove ci sono le cisterne d’acqua, sono affollati di persone. Un certo numero di sauditi ha chiesto l’annullamento del provvedimento che pone come condizione obbligatoria che l’acqua sia distribuita solo in presenza di cittadini sauditi. Hesham Abu Alainain, sindaco del quartiere di Al-Baghdadiyah, ha dichiarato: «Questo quartiere soffre da sempre per la scarsità di acqua e per i frequenti tagli di approvvigionamento idrico». E poi ha continuato: «La mancanza di acqua è diventata un incubo per i residenti che hanno più volte chiamato la Società nazionale per l’acqua e chiedendo una soluzione definitiva al problema». Gli abitanti dei quartieri popolari, rimasti senza acqua, hanno dovuto pagare personalmente le botti cisterna private.
I proprietari di casa hanno chiesto agli inquilini dei soldi una tantum per coprire le spese di approvvigionamento d’acqua. Sultan Al-Mutairi, che vive nella zona est di Jeddah, ha detto la maggior parte dei quartieri in quella parte della città, come ad esempio Al-Rabea e Al-Samer attualmente hanno l’acqua solo una volta al mese. Ha detto alla testata al-Arabya: «Non tutti i quartieri Jeddah hanno questo problema. I quartieri di lusso non hanno mai lamentato la scarsità d’acqua. Perché?»
Ibrahim Al-Atawi, che vive a Al-Baghdadiyah, ha detto che la gente è stanca di sentire sempre le stesse scuse sulla carenza d’acqua. Un edificio di tre o quattro piani dispone di un grande serbatoio e ha bisogno di almeno tre autobotti per riempirlo. I non-sauditi non possono avere una cisterna d’acqua a meno che il padrone di casa non sia presente. «Questo è un requisito difficile e inutile. Inoltre, causa problemi tra inquilini e proprietari, spesso l’acqua diventa un mezzo per le dispute, anche se il proprietario ha la responsabilità di garantire la fornitura di acqua costante». Un giornalista ha chiamato la Società nazionale per l’acqua più volte per ottenere una spiegazione per la mancanza di acqua nelle case. Il direttore della società, Muhammad Al-Zahrani ha detto che il problema è dovuto ad una diminuzione della quantità di acqua dissalata che la società ha ricevuto. Il direttore avrebbe riferito alla giornalista che avrebbe risolto il problema in quattro giorni. Ha detto: «I lavori di manutenzione alla stazione di desalinizzazione non sono ancora completati, questo ha comportato che la quantità di fornitura di acqua sia venuta meno in alcuni quartieri. I tassi di pompaggio torneranno presto alla normalità. Il nostro ruolo è quello di distribuire l’acqua che otteniamo dalla stazione di desalinizzazione a tutti i quartieri. Alcuni quartieri hanno strutture di pompaggio dell’acqua poco potenti ma comunque ricevono acqua regolarmente. Gli unici luoghi che non ricevono acqua sono quelli senza una rete idrica».