Tassisti contro il caro vita in Zimbabwe

11

ZIMBABWE – Harare 06/07/2016. Una protesta dei tassisti dello Zimbabwe ha scatenato la reazione violente dell forze di polizia del paese.

La manifestazione, riporta Defence Web, è diventata violenta il 4 luglio quando una fitta sassaiola ha capito la polizia, che ha sparato gas lacrimogeni per disperdere i rivoltosi nella capitale. Nell’ultimo mese, lo Zimbabwe è stato testimone di proteste spontanee contro la corruzione del governo, la carenza di denaro e le difficoltà legate al prolungato periodo di siccità e un conseguente rallentamento dell’economia.

I tassisti dello Zimbabwe, insieme con i proprietari di imprese di taxi, accusano la polizia di chiedere il pizzo, imponendo multe salate sui loro veicoli, cosa che rende complicata la loro vita.

La polizia ha detto ai giornalisti che gli agenti in tenuta anti-sommossa si era schierata in due comuni al di fuori Harare e aveva arrestato 30 persone. Un testimone ha detto che agli operatori dei taxi si sono uniti i residenti della Epworth township, a sud del centro di Harare, per attaccare la polizia con pietre. La polizia ha sparato gas lacrimogeni, picchiato i manifestanti e ha sfondato le porte di alcune case, dicendo che stavano cercando gli organizzatori della protesta.

A Mabvuku, a est della capitale, la polizia ha sparato gas lacrimogeni, quando le compagnie di taxi hanno bloccato le strade con pietre e pneumatici in fiamme.

Gli scontri di lunedì sono arrivati giorni dopo che i residenti hanno protestato nella città di confine di Beitbridge, 600 chilometri a sud di Harare, contro le restrizioni sulle importazioni di beni di prima necessità dal Sud Africa.